Al Ministro Fioroni (e a Pietro Citati)

MILANO. ROZZANO : SCUOLA MEDIA STATALE "LUINI-FALCONE". UMILIATI E OFFESI DA "LEGITTIMI" GIOCHI BUROCRATICI E "POLITICI" BRAVI "MISERABILI" PROFF. E CITTADINI. Rischierò di venir silurato ma non posso tacere : la coraggiosa testimonianza di un cittadino, sacerdote, professore della Scuola - a cura di pfls

dimanche 29 juillet 2007.
 

-  Rischierò di venir silurato ma non posso tacere.
-  Di fronte al male non si può far finta di niente !

Quest’anno per la prima volta ho insegnato nella scuola media (la SMS Luini-Falcone, al plesso di via Garofani). E’ stata un’esperienza molto faticosa ma anche esaltante e gratificante.

E non tanto perché mi è piaciuto fare il professore, ma per i colleghi che ho avuto la fortuna di incontrare e con cui ho potuto collaborare nel mettere tutte le energie e gli sforzi possibili per cercare di ascoltare e andare incontro alle esigenze di ragazzi e famiglie che vivono in una situazione davvero difficile, spesso ai limiti dell’umanità.

Mi sono trovato in un ambiente, una scuola davvero d’eccellenza, che non si è mai limitata a fare il suo dovere di insegnare le materie stabilite dal Ministero dell’Istruzione ma si è inserita con tutto l’impegno e la volontà per dare il suo apporto a cercare di sostenere tutte le collaborazioni e i collegamenti possibili su un territorio davvero difficile.

Tutto questo è stato possibile per il lavoro e la passione delle persone che hanno scelto davvero come vocazione di insegnare a Rozzano, rinunciando molte volte a situazioni più comode, meno rischiose, più "normali" e meno logoranti...

Tra queste persone (anche se l’ho conosciuta solo quest’anno) devo mettere al primo posto senz’altro Micaela Francisetti, che da 27 anni dava la vita per il mondo della scuola a Rozzano.

Beh, lo dico con assoluta sincerità : mai vista una persona così salda nel cercare il bene comune, nel rivendicare gli stessi diritti e le stesse opportunità per tutti (nel senso del dare di più a chi più ne ha bisogno). E mi sembrava strano che potessero esistere ancora delle persone così tutte d’un pezzo, dedite alla causa, inflessibili di fronte a chi cerca di coprire la verità.

Stupito perché certe persone fanno sempre presto una brutta fine.

E infatti, l’ultimo atto di strenua difesa dell’autonomia e libertà della scuola le è costato caro, carissimo.

Dopo aver guidato (per altro seguita e sostenuta da tutto il personale docente di tutte le scuole della città) a novembre la ferma opposizione al tentativo dell’Amministrazione Comunale di disfare tutto quanto di buono nella scuola c’è a Rozzano con una proposta di verticalizzazione estrema e insulsa, Micaela ha pagato sulla sua pelle la reazione della sopracitata Amministrazione, che ha trovato il modo di scansare il problema...

Quale metodo più furbo, subdolo e meschino che far fuori chi la pensa diversamente da te e prenderne il posto ingiustamente per poi fare il bello e il cattivo tempo anche lì ?

Che bello pensare che da settembre il mio Vicesindaco sarà anche la mia dirigente scolastica !

Chiedendomi da subito quale possibilità ci sia di ricoprire entrambi gli incarichi... senz’altro non ci si potrà sognare di vedere presente la nuova preside nemmeno un decimo del tempo dedicato da Micaela, che era 24 ore su 24 a disposizione di questo complesso mondo che è la scuola media di Rozzano...

Senza parlare, viste le esplicite intenzioni dell’Amministrazione Comunale a riguardo del tema scuola (totalmente dettate da ALTRI interessi che non il bene dei ragazzi di Rozzano), del CONFLITTO d’INTERESSI !!!

Non sono solo triste, deluso, amareggiato...

SONO SCHIFATO !

Come potrà mai cambiare Rozzano, quando chi sta come esempio e guida davanti a tutti i cittadini insegna ad ottenere quel che vuole con la forza, la violenza e l’ingiustizia ?!

Lascio qui sotto una citazione di Seneca (presa dal blog della Scuola Luini-Falcone) che mai fu così veggente nel vedere cosa succede ancora qui, ai nostri giorni !

"Poco fa, Sereno, parlando di Marco Catone, eri indignato, come sempre ti accade quando ti imbatti in una ingiustizia, per il fatto che Catone fosse stato capito così poco dal suo tempo... Giudicavi scandaloso che gli fosse stata strappata la toga in pieno Foro, mentre tentava di opporsi all’approvazione di una legge ; e che fosse stato trascinato dai Rostri all’Arco di Fabio dai seguaci di un partito ribelle. Allora ti risposi che avresti avuto ragione a sdegnarti per la sorte della Repubblica, visto che Publio Clodio da un lato, Vatinio dall’altro, e con loro tutti i peggiori, la mettevano all’asta senza capire, nella loro cieca avidità, che così mettevano in vendita anche se stessi. Mentre per Catone ti dicevo di stare tranquillo, (...) Catone non visse in un’epoca in cui si poteva credere che il mondo poggiasse sulle spalle di un gigante ; la sua epoca aveva già superato la faciloneria degli antichi ed era pervenuta a un alto grado di cultura. Catone lottò contro l’ambizione, mostro multiforme, e contro lo smisurato desiderio di potere, che neppure la divisione del mondo in tre parti poteva soddisfare ; affrontò i vizi di una città corrotta e ritardò la rovina della Repubblica opponendovisi con tutte le forze. Trascinato anche lui nella catastrofe, che aveva cercato invano di impedire, non volle sottrarvisi ; così perirono insieme due realtà impossibili da separare : Catone non sopravvisse alla libertà, né la libertà a Catone (...)
-  L’uomo saggio è tanto saldo di fronte ai colpi degli uomini e della sorte, che il torto subito gli è addirittura utile per mettere alla prova se stesso e saggiare la sua virtù. Manteniamo un religioso silenzio, vi prego, davanti a un tale proponimento, e assistiamo attenti e ammirati allo spettacolo del sapiente che si sottrae all’ingiustizia. Con questo non toglieremo nulla alla vostra superbia, alla furia delle vostre passioni, alla vostra cieca temerarietà e arroganza ; rivendicando al saggio la sua libertà non tocchiamo affatto i vostri vizi (...)
"

L.A. Seneca, Dialoghi : Della costanza del saggio.

donP

Questa risposta è stata modificata da donP (01/07/2007 14:11 GMT, 2 giorni)

Copyright 2005-2007 Parrocchia Sant’Angelo - Rozzano (MI)



.... La lettera di un gruppo di genitori che è stata mandata al Ministero dell’Istruzione, agli uffici scolastici della Regione e della Provincia e anche (ahimé) in Comune è stata una patata bollente... Ebbene, adesso questi genitori hanno paura : sono stati querelati in massa....



citazione *

"Un uomo fa quello che è suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni"

Cito soprattutto questa, visto che "dall’interno del mio stesso orto" mi sono stati mossi critiche e rimproveri... Ma, per quanto il sottoscritto sia un sacerdote e scriva sul forum del sito della parrocchia, tutto quanto sto scrivendo qui è SOLO la trasposizione del MIO personale stato d’animo, dei MIEI pensieri, delle MIE valutazioni...

Non sto prendendo posizione a nome della Chiesa, delle Parrocchie, degli altri preti o di chicchessia...

Qualcuno mi ha fatto notare che, lo voglia io o no, sono comunque una figura pubblica ed istituzionale e quindi devo stare attento a come e dove scrivo...

Non sono per niente d’accordo.

Io qui sono Pietro, cittadino italiano, domiciliato a Rozzano per incarico di ministero, affezionato alla realtà di questo territorio che mi è stata affidata, affezionato al mondo della scuola che ho incrociato come insegnante da un anno soltanto...

In tal senso ritengo e pretendo di non venir inserito in nessuna burocrazia o assembramento politico-sociale ma di poter dar libero corso ai pensieri e sentimenti che sento dentro, senza sentirmi il paladino di niente, ma solo un uomo assetato di giustizia e verità...

donP

* 25/07/2007 14:25 GMT - Copyright 2005-2007 Parrocchia Sant’Angelo - Rozzano


Sul riferimento a Pietro Citati, nel sito, si cfr. :

SCUOLA. PAROLA CHIAVE : "PRECARI’"(firmato decreto). ONORE A PIETRO CITATI PER IL SUO URLO. Non è più possibile continuare a pagare i professori delle medie e dei licei, che devono tornare ad essere un’élite, con gli stipendi di oggi. Gli stipendi vanno almeno raddoppiati !!!


Répondre à cet article

Forum