San Giovanni in Fiore

"Poesia alla paesana ovverosia frassia non cantata". Di Domenico Barberio, dedicata a Franco Alessio, con nota breve di Emiliano Morrone

samedi 3 mars 2007.
 

Da poco ormai è passato Carnevale, u carnevalune sangiuvannise, e frassie e li frassiari. In ritardo e senza pretese ecco una breve “poesia alla paisana”, una sorta di frassia non cantata. Chiedo preventivante scusa ai cultori, agli studiosi, agli amanti del dialetto, di ogni dialetto e quindi, anche e soprattutto in questo caso, a chi riconosce piena dignità linguistica al dialetto sangiovannese. Chiedo scusa perché il sangiovannese di cui ho abusato è un sangiovannese “anarchico”, che non risponde a regole, scritto di getto, trasmigrazione forzata su word di una lingua che meritava ben altre attenzioni. Una piccola postilla per concludere : la settima scorsa ci ha lasciati Ciccio Alesso, papà del mio amico Nello e punto di riferimento per quanti di noi, in passato, si sono avvicinati alla politica. Ciccio era davvero una brava persona e con la sua assenza sento la stessa strana tristezza che mi prende quando penso a Paolo Cinanni, Pasquale Spina, uomini veri, di un’altra sinistra, che ormai non c’è più. A Ciccio Alessio dedico POESIA ALLA PAISANA OVVEROSIA FRASSIA NON CANTATA.

Domenico Barberio

Ntra stu paise u sse capiscia ju nnente

parari ca c’è sulu disinteresse, musciaria e rassegnazione ;

ppe quale motivu a gente u lla capitu, io pruavu a dare na spiegazione.

Ma piensu però ca truappi rrolachiamienti e capu u sso dde fare,

ca u sapimu tutti a chine ame ringraziare ppe ssa situazione :

chillu lupu e Maruzzu, chilla cimuzza e ru sinnacu

e tutta quanta l’amministrazione.

Ma puru na bona parte e sangiuvannisi ne tienuri curpa

e nu pocu e cuscienza l’averamu e avire,

ca si simu t’arrupati

ognunu i peccati sue tena de scuntare.

Piglia ppe dire stu sinnacu

sempre rirari, para ca sta sempre a se divertire,

ma chi cazzu me riri, te vena de rire,

cuannnu ppe la via tu viri arrivare ;

ma illu è persuna fina cica,

e nu miericu cica cchi viri a chillu spitale,

na brutta risposta u nta ppo dare

e ririennu ancora cu nu ciuatu ppe lu paise continua a caminare.

Maruzzu u s’offendissi se roppu e ru sinnacu le lassatu

ma se sari ca avanzi e tutti illu è sempre statu,

ca illu arrieti u’nce sa stare

e si puru s’avissiri e trovare cavuci ntro culu tummuni

e cazzottuni, ma illu ppe forza avanti a de passare.

Cu Maruzzu c’è pocu e fissiare

su jiu e vint’anni ca riminiari

e all’atri le lassa sulu guardare

ca ciavissimu e provare ! a tutti l’accitari, Maruzzu sa

propriu cummannare !.

Totonnu Acri è chillu ca cu Maruzzu si c’è liticatu

eppure alla Regione sulu sulu è potutu arrivare,

ma Maruzzu u’sse scordatu

e si ppe l’atri ce su assessorati e c’è de ricriare, a

rillu u sta faciennu male cannancare.

E u nne scordamu ca moni c’eri Franco, Franco Laratta,

ca cilla fatta a diventare parlamentare,

puru illu mo se po scialare

ma sempre nu sagrestanu e nu previtijju restari e nessunu su pò scordare.

Ntra tutta sta bella gente e ri rrascinapieri e ru

consiglio comunale amu e puru parrare

puru si u nc’è assai chi dire,

i soliti marrapialli cchi nu cazzu sau ffare

ma continuiri a parrare, parrare, parrare...

C’è stata, tantu ppe cambiare, a crisi a lu comune,

c’ancora aviamu arrivare e subitu pronti ppe la pagnotta a sse scannare ;

ca i numi su cambiati ma u stile è sempre chillu,

guale guale a Miliu Grecu e Saveru Gallu.

Cica a Valli Piccula a casa e Pierinu Lopez a voliamu svampare,

cica gente periculusa cu u ssi ce pò fissiare ;

ma non è ca ce jutu na sira cu l’amici a mangiare pue se mbriacatu,

e lu fuacu se scordatu e l’ astutare ?

L’ultima che sentutu pue, i frazza me fa carire :

prima ho fatta a scola ppe li studenti a l’Olivaru

pue unu na matina se azatu e a dittu ca i vejjiarielli ccio’ dde ire :

allu solitu, ancunu sutta sutta cce vò mangiare.

Nu postu particolare però u tienuri l’operai chi fatiguri allu comune,

chille bia tinti chi vacabbuni :

sempre ccu na manu ntre cugliuni a sse grattare,

‘hhi cchi gulia e fatigare !

Sù na frigogna ppe tutta sngiuvanni

e ppe li sangiuvannisi sti munni munni costretti a emigrare :

speramu c’ancunu le ffa cambiare,

ma chilla manu ntri cugliuni è difficile a la levare.

C’è nu maresciallu nuoavu ca tutti ncuallu fa cacare

arresti, multe e segnalazioni

nessunu se sarva

e nu sceriffu e chilli bbuani.

Chi fine ca fattu a Silana

se t’arrupata chi via,

na vota iocava puru ccu lu Cusenza

mo ioca cu lu Cerenzia.

C’è Pardiualu che jutu puru alla televisione nazionale,

illu cica è orafu da tante generazioni,

cu via spatornatu i sordi e l’orijjie le niesciuri

però resta sempre nu tamarru è chilli bbuani.

Ma l’aviti vistu quantu machine nove ca giruri a sangiuvanni,

sempre pulite, lavate, nove ;

ma sti ciuati u l’au capitu che meglio nu pocu e

risparmio alla casa,

ca muarti e petittu, jine e cambiali,portafogliu vacante,

ntro corso a sparamentu e posa.

Co sacciu ca chili ccu li sordi c’è su puru,

u fattu ca si le tienuri mboscati,

allu priestu lle fau mucare

ma mancu ppe lu cazzu le vualu cacciare.

Ma a gente chi sta male comunque c’è ppe l’averu,

gente senza sordi, povera, sula, pazza, sgualiciata ;

gente risperata chi se frigogna e parrare o u n’tena la

forza e ru fare,

chine malu na vuce cia ppò dare ?

Domenico Barberio

A Franco Alessio - di Emiliano Morrone

Franco, mio amico e padre di Nello, mio amico, non se n’è andato. Senza retorica, mi sento di poterlo dire serenamente. Se c’è questa nostra Voce (di Fiore), che raccoglie anime anche ideologicamente diverse ma comunque rivoluzionarie, ciò si deve anche all’insegnamento di Franco. Mai dottrinario, sempre votato all’emancipazione, a una maieutica per la libertà del suo interlocutore. Noi, giovani di un tempo diverso, fra cui lo stesso, caro Nello, dobbiamo tanto al pensiero di persone come Franco. Voglio ricordare il suo sorriso presente. Franco ha contribuito direttamente alla formazione di Domenico Barberio e del sottoscritto. Lo ringrazio di cuore, scrivendo una sua espressione che non cancellerò mai : « Dovete esserci ». Eccoci, Franco.

Emiliano Morrone


Répondre à cet article

Forum