Musica

Pentole e computer: Marcoposse dei 99 e Gennaro De Rosa dei Mandara in un esperimento originalissimo

L’accoppiata che segna. Musica d’altri tempi
martedì 5 luglio 2005.
 

Digitale e analogico, manipolato e manuale, effetto ed effettivo, tecnologia e tecnica, frantumazione e percussione: termini che esprimono, convergendo, il progetto artistico di Marco Messina e Gennaro De Rosa, Pentole e computer. Un nome di suggestioni e richiami, accostamenti curiosi e ambizioni, che ben rappresenta, con la sua originalitÓ, un’operazione estremamente attuale, simbolica ed esemplare. I suoni elaborati, ricercati, sofisticati e liberi di Marco Messina, frutto di attenta ricerca e rara sensibilitÓ musicale, s’intersecano e mescolano coi ritmi affatto improvvisati di Gennaro De Rosa, prodotti dalle tensioni dell’anima e costruiti, poi, sul completo abbandono all’incedere dell’elettronica. Una compenetrazione di modalitÓ artistiche differenti, scenicamente singolare e, sul piano musicale, alimentata dalle possibilitÓ di sofisticazione e modulazione attraverso le macchine, di Marco Messina, e dalle accentuazioni ritmiche, variabili e moltiplicabili, di Gennaro De Rosa. Due pensieri che si confrontano e inseguono: l’abilitÓ, divertita, di ricostruire e innovare, partendo da suoni di scarto, di Marco Messina, e la sua composizione comunque istintiva e irruenta nonostante la riproducibilitÓ dei frammenti digitali, assieme alla genialitÓ, di Gennaro De Rosa, d’inventare, con ogni oggetto domestico, delle vibrazioni sonore armoniche, anche autonome, in grado di riscrivere, colorare e impreziosire un’esecuzione giÓ intensa e di trasporto. Pentole e computer, due elementi di trasformazione, d’uso casalingo, in un’accezione oggi diversa dal passato; due strumenti per declinare una comune necessitÓ, quella di abbattere certi pregiudizi sull’elettronica e sull’incapacitÓ, della musica attuale, d’incidere con autenticitÓ e poesia.

Emiliano Morrone


Rispondere all'articolo

Forum