E-sorcismi, van - gelo e ... altre dia-volate!!!

L’"ENIGMA" DELLA TELEVISIONE PUBBLICA E DEGLI APPRENDISTI STREGONI. Una nota del teologo Renato Pierri

domenica 8 luglio 2007.
 

Se in tv arriva l’esorcista e nessuno ha niente da obiettare

Gentile direttore*,

29 giugno 2007, terzo millennio, e in una trasmissione della televisione pubblica di un civile paese, un vecchio sacerdote afferma di fare esorcismi tutti i giorni a casa sua, e spesso al chiuso di una sagrestia di una chiesa un po’ isolata (per evitare che la gente chiami la polizia), aiutato da sei sette uomini che tengono ben fermo su un lettino un poveraccio che urla come un dannato. Il sacerdote recita preghiere, irrora il malcapitato di acqua santa e olio esorcizzato, mentre brucia l’incenso.

Questo dichiara tranquillamente il vecchio prete, e nessuno se ne fa meraviglia; nessuno si scandalizza; nessuno si sdegna. Augias, che conduce il programma (Enigma) si limita a fare un sorrisetto e a dire che lui non lo sapeva; e chiede anche agli altri, a Vittorio Zucconi, a Dario Argento, allo psichiatra, se lo sapevano. Tutti tranquilli, tutti sorridenti. Ed Augias, o gli autori del programma, fanno il solito errore.

Errare humanum est, perseverare autem diabolicum. Di diavoli appunto si parla, ma nessuno si Ŕ sognato d’invitare uno dei tanti teologi e vescovi (numerosi e presenti anche in Vaticano), che non credono alle possessioni diaboliche, e tanto meno, ovviamente, all’utilitÓ degli esorcismi.

Don Gabriele Amorth riferisce ad Augias le parole di Giovanni Paolo II: "Chi non crede al demonio non crede nel Vangelo", e naturalmente non c’Ŕ nessuno che possa fare la minima obiezione. Neppure il simpatico conduttore ateo che ha scritto un libro su Ges¨. Nessuno. Nella trasmissione precedente si era parlato di miracoli, e ugualmente non era stato invitato un teologo in grado di dimostrare l’assurditÓ di certi miracoli.

Renato Pierri

* L’UnitÓ. 6 luglio 2007


Rispondere all'articolo

Forum