Memoria della Liberazione e Costituzione...

PER UNA VERA PACIFICAZIONE, GIUSTIZIA E LIBERTA’. « Non fingiamo di credere che si tratti di un genuino desiderio di ottenere una vera unità nazionale sulla Liberazione. La prova ? Dell’Utri che vuole riscrivere i libri di storia ». Un’intervista a Giorgio Bocca di Paolo Conti - a cura di Federico La Sala

samedi 26 avril 2008.
 

-  Berlusconi : « è l’ora della pacificazione nazionale »
-  « Capire i ragazzi di Salò ». Polemiche sull’incontro con Ciarrapico. Bagnasco fischiato a Genova

Giorgio Bocca : « E’ opportunismo, come Violante. Per questo contestai anche Pertini »

di Paolo Conti (Corriere della Sera, 26.04.08)

ROMA - Ha letto le dichiarazioni di Berlusconi sul 25 aprile e i ragazzi di Salò, Giorgio Bocca ?

« Non fingiamo di credere che si tratti di un genuino desiderio di ottenere una vera unità nazionale sulla Liberazione. La prova ? Dell’Utri che vuole riscrivere i libri di storia »

Allora di che si tratta ?

« Pura convenienza politica. Berlusconi ha sdoganato i fascisti portandoli al governo. Fini presiederà la Camera, così pare. E quindi deve giustificarli, questi fascisti, a pieno titolo »

Però il Cavaliere evoca Luciano Violante che, insediandosi alla presidenza della Camera il 10 maggio 1996, chiese di « riflettere sui vinti di ieri » e sulle ragioni di chi si schierò con la Repubblica di Salò.

« Un altro episodio di chiarissimo, evidente opportunismo. Era arrivato alla presidenza di Montecitorio e allora... Mi ricordò De Gasperi che per vincere il referendum istituzionale quasi usò i fascisti contro la monarchia. Siamo alla solita storia. Per opportunismo politico c’è chi viene meno alle ragioni di intransigenza che costituiscono i fondamenti morali di una democrazia. Se non sei più intransigente con chi fino all’ultimo si alleò con i nazisti che sterminarono milioni di ebrei nelle camere a gas... ecco, mi chiedo, con chi sarai in futuro intransigente ? E chiedo ancora : quali ragioni di questa gente si devono ancora capire ? »

Lei contestò Violante, in quel momento.

« Certo che lo contestai. Lo feci anche con Sandro Pertini quando a non so quale cerimonia si fece salutare da ex fascisti col pugnale alzato. Gli scrissi : "Caro Sandro, sarai anche il presidente di tutti gli italiani. Ma qui sbagli" ».

Berlusconi comunque propone un 25 aprile di tutti.

« Scopre l’acqua calda. I primi a provarci furono a Milano Paolo Grassi e Giorgio Strehler il 25 aprile 1945. Organizzarono una festa simile al 14 luglio francese. Ma i fascisti non accettarono. Infatti poco dopo fondarono il Msi : una fiamma che usciva dalla tomba di Mussolini. E qui torniamo all’oggi. Pensiamo a Roma. Berlusconi ha scelto un candidato sindaco che si chiama Gianni Alemanno. Valentino Parlato ha una bella definizione : un fascista al cento per cento. Per di più genero di Pino Rauti, capo di veri terroristi fascisti ».

Allora, per citare le sue parole, possiamo dire che Giorgio Bocca è l’ultimo dei veri intransigenti...

« I miei nemici mi chiamano "l’uomo di Cuneo" per darmi del tetragono testardo conservatore dell’intransigenza partigiana. Mi sta benone. Era il fondamento di "Giustizia e libertà" ».


Sul tema, nel sito, si cfr. :

-  25 aprile 2008. ITALIA : LA PAROLA RUBATA. Una sollecitazione (del 2004 e del 2003) ad uscire dal sonnambulismo, oggi e finalmente

-  Per un ri-orientamento teologico-politico ....
-  25 Giugno : salviamo la Costituzione e la Repubblica che è in noi


Répondre à cet article

Forum