Pianeta Terra. Palestina e....

ISRAELE POSSIEDE 150 BOMBE NUCLEARI. Dichiarazioni di Jimmy Carter, premio Nobel per la pace ed ex presidente Usa, riportate dal ’Times’ di Londra.

Carter ha avuto anche parole molto dure sull’embargo imposto alla Striscia di Gaza controllata da Hamas, definendolo "uno dei più grandi crimini umani sulla Terra".
lundi 26 mai 2008.
 

’’Irrealistica’’ secondo il premio Nobel per la pace ’’la politica di non parlare con Hamas’’

Jimmy Carter : ’’Israele possiede 150 bombe nucleari’’

Una dichiarazione che sorprende dato che Israele non ha mai ammesso di avere armi atomiche. L’ex presidente Usa ha anche spronato l’Europa a ’’rompere con gli Usa sull’embargo alla Striscia di Gaza’’ che è ’’uno dei più grandi crimini umani sulla Terra’’ *

Londra, 26 mag. (Adnkronos) - Israele possiede 150 bombe nucleari. Parola dell’ex presidente degli Stai Uniti Jimmy Carter (nella foto) che ne ha parlato a margine del festival letterario di Hay-on-Wye nel Galles.

Le sue dichiarazioni, riportate dal ’Times’ di Londra, colpiscono particolarmente dato che Israele non ha mai ammesso di avere armi nucleari, anche se molti ritengono che le abbia. Nessun funzionario americano ha mai deviato in pubblico dalla linea israeliana. La risposta standard dei vertici israeliani è che il loro Paese non sarà "il primo a introdurre l’arma nucleare in Medio Oriente".

Carter ha avuto anche parole molto dure sull’embargo imposto alla Striscia di Gaza controllata da Hamas, definendolo "uno dei più grandi crimini umani sulla Terra".

Quindi, come riporta il ’Guardian’, l’ex presidente Usa ha spronato l’Europa a rompere con gli Stati Uniti su questa questione. "Mica sono nostri vassalli - ha sottolineato - occupano una posizione di parità con gli Stati Uniti". Mentre a suo parere l’Ue mantiene una posizione "passiva" rispetto al conflitto israelo-palestinese e la sua mancata critica all’embargo imposto a Gaza è imbarazzante".

Carter considera irrealistica la politica di non parlare con Hamas, tanto più che Israele lo sta facendo indirettamente tramite l’Egitto. L’ostracismo contro Hamas se non rinuncerà alla violenza e non riconoscerà Israele e gli accordi firmati con i palestinesi, ha aggiunto l’ex inquilino della Casa Bianca, è stato messo a punto da Elliot Abrams del Consiglio americano per la sicurezza nazionale, da lui definito "un sostenitore molto militante d’Israele".

Carter è stato insignito del premio Nobel per la Pace nel 2002 per il suo impegno internazionale contro i conflitti, e in particolare per il suo ruolo nell’accordo di pace di Camp David fra Israele ed Egitto nel 1978. Recentemente l’ex presidente è stato ricevuto molto freddamente nello stato ebraico nell’ambito di un suo viaggio in Medio Oriente durante il quale ha avuto una serie di colloqui con i leader di Hamas.

* Adnkronos, 26.05.2008


Répondre à cet article

Forum