Terra...

STATI UNITI D’AMERICA. NOMINATION, PER LE ELEZIONI DEL 4 NOVEMBRE. BARACK OBAMA E’ IL CANDIDATO DEL PARTITO DEMOCRATICO. Da Washington, Marco Bardazzi (Ansa) - a cura di pfls

"E’ un giorno nuovo e migliore in America", ha annunciato Obama, il primo afro-americano a raggiungere un traguardo del genere nella storia
mercredi 4 juin 2008.
 
[...] Nella notte del trionfo di Obama, delle sfide di McCain e del fischio d’inizio della corsa verso l’Election Day, è rimasto da sciogliere il nodo di Hillary Clinton. L’ex First Lady, messo da parte il sogno di diventare la prima donna presidente degli Usa, si è detta pronta "a lavorare per l’unità del partito" e per la vittoria a novembre. I prossimi giorni diranno se Obama accetterà di fare di lei la ’running mate’ - un’ipotesi che negli ultimi mesi è sembrata inconcepibile alla maggioranza dei commentatori - o se alla Clinton spetterà un ruolo diverso, e minore, all’interno del partito democratico [...]

Ansa » 2008-06-04 06:25

USA : OBAMA CONQUISTA LA CANDIDATURA DEMOCRATICA

(di Marco Bardazzi)

WASHINGTON - Le elezioni del 4 novembre per scegliere il 44mo presidente degli Stati Uniti saranno una sfida tra un candidato nero di 46 anni, figlio di un immigrato del Kenya e di una madre bianca del Kansas, e un eroe di guerra di 71 anni. Il senatore Barack Obama ha chiuso la partita contro Hillary Clinton per la nomination dei democratici e sfiderà il repubblicano John McCain per la successione a George W.Bush. "E’ un giorno nuovo e migliore in America", ha annunciato Obama, il primo afro-americano a raggiungere un traguardo del genere nella storia, nel discorso notturno della vittoria in cui ha preso in prestito uno slogan che riecheggia John F.Kennedy, ma anche Ronald Reagan. Da New York, la Clinton gli ha fatto i complimenti senza però annunciare formalmente il ritiro. Ma il suo staff ha fatto sapere che la senatrice cerca un incontro privato al più presto con Obama e crescono le voci di un suo possibile ruolo di vice nel ’ticket’ presidenziale. Dopo cinque mesi di un’intensa battaglia cominciata con il voto del 3 gennaio in Iowa, Obama è emerso vincitore nel giorno delle ultime primarie in programma nel calendario dei democratici. Chiusi i seggi in South Dakota e Montana, ultimi a pronunciarsi dopo una serie di voti in 54 stati e territori americani, Obama ha annunciato ufficialmente di essere "il candidato dei democratici a presidente degli Stati Uniti". La Clinton ha chiuso in bellezza, vincendo un po’ a sorpresa in South Dakota, mentre il Montana è andato al senatore nero. Obama ha festeggiato la vittoria a St.Paul, in Minnesota, nella stessa arena dove dall’1 al 4 settembre i repubblicani terranno la convention che incoronerà McCain. Un gesto di sfida arrivato poche ore dopo che lo stesso McCain, da New Orleans - la città della disfatta dell’amministrazione Bush per l’uragano Katrina - ha lanciato la carica contro l’avversario di novembre. "Il vero cambiamento sono io", ha proclamato il senatore repubblicano, ironizzando più volte sulla parola-chiave della campagna elettorale di Obama e attaccando quello che ha defito ripetutamente "un giovane" avversario, dipingendolo come inesperto e su posizioni sbagliate sui temi nazionali e soprattutto internazionali. A partire dal dialogo con i ’cattivi’ del mondo come l’iraniano Mahmud Ahmadinejad. In un assaggio della battaglia a cui l’America e il mondo assisteranno nei prossimi mesi, Obama ha risposto punto per punto : "Ci sono molte parole - ha affermato - per descrivere il tentativo di John McCain di cancellare il suo abbraccio delle politiche di George Bush e di farsi passare per bipartisan e nuovo. Ma ’cambiamento’ non è una di quelle parole". Obama ha ribadito le proprie priorità, a partire dall’Iraq : "Dobbiamo essere così cauti nell’uscire dall’Iraq come siamo stati incauti nell’entrarci, ma di sicuro dobbiamo cominciare ad andarcene". Per il senatore e candidato presidente, "é l’ora di rifocalizzare i nostri sforzi contro la leadership di Al Qaida e in Afghanistan, e mobilitare il mondo contro le minacce comuni del XXI secolo : terrorismo e armi nucleari, clima e povertà, genocidio e malattie". Nella notte del trionfo di Obama, delle sfide di McCain e del fischio d’inizio della corsa verso l’Election Day, è rimasto da sciogliere il nodo di Hillary Clinton. L’ex First Lady, messo da parte il sogno di diventare la prima donna presidente degli Usa, si è detta pronta "a lavorare per l’unità del partito" e per la vittoria a novembre. I prossimi giorni diranno se Obama accetterà di fare di lei la ’running mate’ - un’ipotesi che negli ultimi mesi è sembrata inconcepibile alla maggioranza dei commentatori - o se alla Clinton spetterà un ruolo diverso, e minore, all’interno del partito democratico. (marco.bardazzi@ansa.it).


Répondre à cet article

Forum