PER L’ABRUZZO. I SOLDI DEL REFERENDUM, SUBITO PER I TERREMOTATI...

I 460 milioni del referendum vadano ai terremotati. Appello al governo - L’Unità rilancia con forza questo appello

All’iniziativa aderisce anche il comitato promotore del referendum di Giovanni Guzzetta e Mario Segni.
mercredi 8 avril 2009.
 

[...] in queste ore nessuno ha voglia dei tatticismi politici di fronte alle immagini e alle storie drammatiche che arrivano dall’Abruzzo. Quello che si chiede allo Stato è una risposta concreta. Quei 460 milioni possono essere un primo, importante, passo.

FIRMA L’APPELLO [...]


Appello al governo, i 460 milioni del referendum vadano ai terremotati

FIRMA L’APPELLO

Il tam tam sta crescendo sempre di più. La domanda è semplice e le risposte date finora dalla politica appaiono, in queste ore, sempre più insensate. Perché devono andare sprecati quei 460 milioni di euro per organizzare il voto dei referendum, quando potrebbero essere accorpati con le elezioni europee. Quella cifra potrebbe essere impiegata immediatamente per ricostruire le case degli abruzzesi, le decine di scuole indispensabili per far riprendere l’anno scolastico ai bambini de L’Aquila, rimettere a posto le strade, ristrutturare e rimettere in funzione l’ospedale danneggiato dal terremoto.

Per il sisma abruzzese il governo ieri ha stanziato 30 milioni di euro. Altri fondi si attendono dall’Unione europea, ma chissà quando arriveranno e chissà quanti saranno. Appaiono misure insufficienti paragonate ai 460 milioni preventivati per il referendum che, inoltre, invece sarebbero immediatamente disponibili.

L’Unità rilancia con forza questo appello e in queste ore non siamo gli unici. « Accorpare elezioni e referendum e destinare le somme risparmiate agli italiani colpiti dal terremoto in Abruzzo » dice anche Enzo Marco Letizia, segretario nazionale dell’Associazione nazionale funzionari di polizia, al governo.

All’iniziativa aderisce anche il comitato promotore del referendum (www.referendumelettorale.org) di Giovanni Guzzetta e Mario Segni.

Margherita Mastromauro, esponente de Pd barese e imprenditrice, ha già scritto una lettera al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, chiedendo che « i 400 milioni già stanziati per il referendum sulla legge elettorale abbiano un uso utile e alternativo, e siano destinati all’emergenza terremoto ». Ricordano la richiesta dei promotori del referendum di abbinare la consultazione alle europee del 6 e 7 giugno, la parlamentare chiede a Napolitano « che attraverso di lei questo paese dimostri la responsabilità di cui molte volte ha dimostrato di essere capace. Che operi uno scatto di lealtà, di solidarietà, di correttezza ».

« Quei 400 milioni di euro che, così come destinati, rappresenterebbero un colpevole spreco, indirizzati all’Abruzzo, invece, ci farebbero sentire tutti più vicini e in qualche modo utili ai nostri connazionali colpiti dal terremoto », afferma la parlamentare, per la quale « non sarebbe una vittoria politica, ma un gesto in nome dell’unità nazionale. È un appello al buon senso quello che faccio, signor presidente. Non abbiamo molto tempo. Confido nella sua attenzione e nella sua sensibilità ».

Insomma, in queste ore nessuno ha voglia dei tatticismi politici di fronte alle immagini e alle storie drammatiche che arrivano dall’Abruzzo. Quello che si chiede allo Stato è una risposta concreta. Quei 460 milioni possono essere un primo, importante, passo.

FIRMA L’APPELLO

* l’Unità, 07 aprile 2009


Répondre à cet article

Forum