Laboratorio di giornalismo

di Pietro Francesco Dettori - Reality show : la vita in diretta dei sepolcri imbiancati

vendredi 10 mars 2006.
 

Reality show

La vita in diretta dei sepolcri imbiancati

Il problema è : perché ce li fanno vedere ? Solamente perché ci piacciono e quindi fanno ascolti ? O forse perché cercano di farci pensare qualcosa cui un po’ cominciamo a credere ? Ad esempio che le star della tv sono come noi e quindi che tutti alla fin fine lo possiamo essere. Basta crederci...Magari nel nostro piccolo, ma lo possiamo essere. E come faccio ad essere visto come un divo nel mio piccolo, nel mio gruppo ? Per fortuna la tv ci viene in aiuto...Basta che ti compri un certo prodotto, un certo capo di abbigliamento o assumi un certo modo di ragionare e tutti saranno ai tuoi piedi. Come in un trono potrai scegliere chi sottomettere, chi escludere, chi proteggere : sei al centro di tutto. Devi solo uniformarti. Non è difficile, anzi sicuramente piacevole. Non devi neppure pensare : è un prerequisito. Come in uno stato di incoscienza, non devi sforzarti : devi proprio lasciarti andare. Anziché leggere o informarti, quindi sforzarti, in qualche modo per capire come e se ti stanno usando, preferisci farti usare, farti smembrare. Però con l’ anestesia, dove l’anestetico è quello specchio deformante della società chiamato Televisione. Quindi preferisci stare seduto davanti alla Tv per carpire a un paio di analfabeti ben agghindati il segreto del loro successo. Ma quale successo ? Diventare un manichino per stilisti di mezza tacca è successo ? Soprattutto essere strumento di un potere che manco comprendono, che mira a farci diventare tutti degli zombie ben vestiti e dal bell’aspetto, sempre consenzienti e votati all’apparenza è successo ? Essere degli apatici è successo ? Avere successo è successo ?

Pietro Francesco Dettori

Bologna


Répondre à cet article

Forum