CI VORREBBE UNO COME FRANCO ARMINIO

Le lucide e poetiche intuizioni di Franco Arminio, scrittore irpino che racconta attraverso i suoi "esercizi di paesologia" un’Italia nascosta e dimenticata
dimanche 19 février 2012.
 

Ci vorrebbe uno scrittore come Franco Arminio per raccontare questo nostro incerto presente, per raccontare San Giovanni in Fiore oggi, lontano da stereotipi e false illusioni. Arminio è meridionale, nato in Irpinia a Bisaccia : uno di quegli intellettuali di provincia che scrive di persone, fatti, cose della provincia appunto, quella meno conosciuta e lontana, non risucchiata dai clamori della città. Arminio fa “esercizi di paesologia”, come recita il sottotitolo di uno dei suoi ultimi libri “Vento forte tra Lacedonia e Candela”, edito da Laterza. É un paesologo, cioè descrive i paesi che incontra nei suoi viaggi, nel suo lento peregrinare in un’Italia ai più sconosciuta. Un’osservazione attenta e per certi aspetti “semplice” la sua : la piazza vuota di una mattina di un giorno feriale, il bar con qualche anziano che gioca a carte, poche donne in giro con la busta della spesa. La bravura di Arminio sta nel vedere quello che c’è dietro quest’apparente normalità, riuscire a scorgere segnali che l’occhio disattento del visitatore distratto non troverà mai “il fregio del silenzio, del buon cibo e dell’aria buona nasconde lo sfregio di un’inerzia acida, di un tempo vissuto senza letizia”. Al centro delle sue riflessioni “si trova il mondo com’è adesso, sfinito e senza senso, con l’unica differenza che questa condizione si mostra senza essere mascherata da altro”.

Sarebbe interessante una sua visita a San Giovanni in Fiore, per le viuzze ripide del centro storico che sembra essere un tutt’uno armonioso con la natura circostante, e per le strade intasate e chiassose della parte nuova del paese dove invece, come scrive Francesco Saverio Alessio, “una furia devastatrice ha cancellato ogni traccia di Natura e di Storia : valloni colmati, cocuzzoli rasi al suolo, alberi estinti, massi superbi distrutti con la dinamite”. Sarebbe utile per noi, perchè il racconto distaccato e sereno di un osservatore esterno ci potrebbe ricordare come nel nostro recente passato tutti(chi con più responsabilità, chi con meno) abbiamo ostinatamente ricercato il modo di abbruttire i luoghi in cui siamo vissuti e la qualità del nostro vivere comune, e potrebbe arricchire il suo lavoro perchè aggiungerebbe un nuovo, piccolo, pezzo al grande affresco, di un’Italia dimenticata, che sta componendo in questi anni.

domenico barberio

articolo pubblicato su "il Quindicinale"


Répondre à cet article

Forum