Lutto nel mondo della musica

Addio a Bruno Lauzi, maestro della scuola genovese

Il cantautore era da tempo malato
mercredi 25 octobre 2006.
 

Roma, 25 ott. (Adnkronos/Ign) - Bruno Lauzi, nato ad Asmara l’8 agosto 1937 ma cresciuto a Genova, viene considerato, insieme a Umberto Bindi, Gino Paoli e Luigi Tenco, uno dei fondatori della cosiddetta ’scuola genovese’ da cui nascono la canzone moderna italiana e il cantautorato. Ha conosciuto e condiviso con il suo amico e compagno di banco Luigi Tenco, al ginnasio ’Andrea Doria’, la passione per i film musicali e per il jazz : con Luigi, nel 1953, faceva parte dello stesso gruppo, la ’Jelly Roll Morton Boys Jazz Band’.

Nello stesso periodo i due iniziano a scrivere canzoni, sotto la guida di Gianfranco Reverberi e Giorgio Calabrese. Dopo il ’56, trasferitosi a Varese, Lauzi conosce e collabora con lo scrittore Piero Chiara (di cui corregge le bozze dei primi libri) alla nascita del quindicinale politico liberale ’L’Altolombardo’. E’ il periodo in cui scopre la canzone francese di Brassens, Brel, Aznavour e inizia il suo percorso (mentre ancora studia Legge alla Statale di Milano) componendo il brano che darà l’impronta a tutta la sua produzione artistica futura, ’Il poeta’.

Si diploma in inglese alla Scuola Interpreti di Milano - che raggiunge quotidianamente viaggiando sul treno che da Varese porta al capoluogo lombardo assieme a studenti e operai : non prenderà mai la patente. Sono gli anni del boom economico e contemporaneamente del fenomeno dell’emigrazione : da questi treni Lauzi vede con i propri occhi scendere famiglie di emigranti arrivate al Nord col miraggio del lavoro e per loro compone ’La donna del Sud’.

Vince due concorsi nazionali di traduzione, ma abbandona a due esami dalla laurea la Facoltà di Legge, decidendo di dare alla sua vita un’ormai irrinunciabile svolta artistica. Compone ’Ritornerai’ e con questo brano cominciano ad arrivare i primi riconoscimenti.

A Milano frequenta e conosce l’ambiente artistico di quegli anni, dai ’Gufi’ a Enzo Jannacci, e lavora al mitico ’Derby’ di Milano, il locale del cabaret degli anni Sessanta assieme a Cochi e Renato, Felice Andreasi e Lino Toffolo : il suo successo come autore, cantante e interprete diventa sempre più importante e inizia così la vera attività artistica, che l’impegna in concerti e tournée internazionali, fra cui una con Mina.

Alla fine degli anni Sessanta Lauzi conosce e diventa amico di Lucio Battisti, che gli propone di entrare nella sua casa discografica, la ’Numero Uno’ : inizia così una proficua collaborazione col duo Battisti-Mogol, che Bruno suggellerà portando al successo, come interprete, brani storici come ’E penso a te’, ’L’aquila’ e ’Amore caro, amore bello’, con il quale raggiunge il primo posto in hit parade. Vince vari premi della critica con canzoni cantate da lui o scritte per altri (Lo straniero’ per George Moustaki, ’Quanto t’amo’ per Johnnny Holliday, ’L’appuntamento’ per Ornella Vanoni, ’Piccolo uomo’ per Mia Martini) e incontra artisti internazionali come Vinicius De Moraes, Toquinho, Petula Clark, Dionne Warwick,Tony Bennet, Peter Ustinov, Gabriel Garcia Marquez, Serge Reggiani.

Scrive canzoni per bambini, come ’La tartaruga’ e ’Johnny Bassotto’, e inizia a collaborare praticamente con tutti gli artisti nazionali, tenendo, tra gli altri, a battesimo cantautori allora ’’sconosciuti’’ come Edoardo Bennato e Roberto Vecchioni (che gliene saranno sempre grati) o i Gatti di Vicolo Miracoli. Collabora con i fratelli La Bionda (per un periodo suoi chitarristi nei concerti dal vivo) ed è il primo tra i colleghi a ospitare in televisione Claudio Baglioni e, forse, l’unico con Mina ad avere Battisti in un suo ’’speciale’’ televisivo.

Sempre in quel periodo nasce una sincera simpatia personale con il suo avvocato di allora, un certo Paolo Conte, che gli fa ascoltare su un vecchio ’mangia-cassette’ un brano (’Onda su onda’) di cui subito Bruno s’innamora, portandolo al successo. Sarà poi la volta di brani come ’Genova per noi’ e ’Bartali’, tanto che lo stesso Conte ebbe a definirlo ’’grande ambasciatore della mia musica’’. Incide ’Angeli’ con Lucio Dalla, ’Naviganti’ con Ivano Fossati, ’Maria dei parafulmini’ con Ron e il figlio Maurizio, fino a ospitare Paolo Conte al vibrafono nel proprio disco ’Back to jazz’.

Vince il premio della critica nel 1989 al Festival di Sanremo, con il brano ’Almeno tu nell’universo’, scritto con Maurizio Fabrizio. E’ anche autore di poesie e pubblica due titoli : ’I mari interni’ e ’Riapprodi’, riuniti poi con il titolo ’Versi facili’ per le Edizioni Marittime dello stesso Lauzi. Nel tempo libero si occupa di politica, giornalismo, gastronomia e coltiva un’antica passione, quella di cercatore di funghi.

Sei anni fa, con le prime serie manifestazioni del morbo di Parkinson, la vita di Bruno Lauzi subisce un’improvvisa accelerazione : l’artista moltiplica le iniziative e decide di diventare discografico ed editore di sé stesso. Fonda una propria casa editrice che chiama significativamente ’Pincopallo’ e insieme a Maurizio Fabrizio pubblica per questa uno degli album più significativi della sua carriera, ’Il dorso della balena’.

Seguiranno una nuova serie di album che ne testimoniano la vitalità dirompente e un secondo volume di poesie, ’Esercizi di sguardo’, che si impone all’attenzione di alcuni critici e di qualche poeta (Nico Orengo, Giuseppe Conte, Elena Bono), ma soprattutto commuove il grosso pubblico. Una delle liriche, dedicata allo sfarfallio della mano colpita dal morbo di Parkinson (’La Mano’), diventa un gadget per la raccolta di fondi a favore della ricerca scientifica sulla malattia.

Gira il cortometraggio ’Ora dicono fosse un poeta’, presentato da Felice Andreasi, che vince alcuni premi della critica. Scrive un musical con Gianfranco Reverberi, ’Una volta nella vita’, che diventerà ’’testo scolastico per le scuole di musical’’. Rinfrancato dal giudizio positivo di esperti del settore (Garinei si complimenta con Bruno dicendogli che nella sua lunga carriera non ha mai letto testi di maggior valore), scrive una nuova commedia musical con Pippo Caruso, ’Donna Flor’. Diventa testimonial dell’Aip (Associazione Italiana Parkinson), contribuendo con diverse iniziative alla raccolta fondi per la ricerca. Come massimo segno di fortuna, il suo ’’non-romanzo’’, dal curioso titolo ’Il caso del pompelmo levigato’, è pubblicato nel corso del 2005 nei Tascabili Bompiani. Negli ultimi tempi Lauzi lavora all’uscita di un album intitolato ’Ciocco Latino’, che conterrà alcuni brani inediti.


Répondre à cet article

Forum