Ricostruire o costruire. Carta di Gubbio (1960) : i centri storici non solo un concentrato di monumenti, ma un tessuto urbano da tutelare nel suo complesso ...

TERREMOTO E RICOSTRUZIONE. Il dramma de L’Aquila e dei paesi abruzzesi interroga architetti e urbanisti. Una nota di Francesco Erbani - a cura di pfls

jeudi 9 avril 2009.
 
[...] Per Franco Purini, architetto e professore a Roma, « il recupero di un centro antico distrutto va attuato con metodo filologico, ma nuovi quartieri sono indispensabili ». Nuovi quartieri, non nuove città. « È proprio l’antico che ce lo chiede », spiega, « perché il patrimonio edilizio del passato può non andare bene per le esigenze di sostenibilità e di sicurezza. Nuovi quartieri che però creino spazi pubblici e agevolino il formarsi di comunità ». Lo spettro, invece, di insediamenti senza qualità è evocato da Guido Martinotti, sociologo urbano : « Riferirsi alle new towns è del tutto infelice. L’esperienza inglese è completamente diversa, ma ci sono voluti decenni prima che molte di esse diventassero vivibili. Centri storici come quelli abruzzesi hanno valore non solo per gli aspetti fisici, ma perché offrono un invidiabile senso comunitario » [...]

La ricostruzione

di Francesco Erbani *

ROMA - Ricostruire o costruire. Restaurare o cercare aree per nuovi insediamenti. Il dramma de L’Aquila e dei paesi abruzzesi interroga architetti e urbanisti. È come tornare alle radici del mestiere. Nella disgrazia, però, molti segnalano che l’Italia non parte da zero quanto a riflessioni e competenze, per esempio, sul risanamento di centri storici. Anzi, questo è uno dei settori in cui c’è sentore d’eccellenza, almeno dal punto di vista culturale.

Competenze alimentate dalle esperienze, intanto. Quelle generalmente considerate positive - Friuli (1976) e Marche e Umbria (1997). Ma anche quelle negative - Sicilia (1968) e Campania e Basilicata (1980) - quando terribili terremoti hanno prodotto soluzioni devastanti al punto da essere bollate come "un secondo terremoto". A Napoli, però (170 mila sfollati, 7 mila edifici inagibili, 170 strade chiuse), si tentò di combinare i due sistemi - risanamento e nuove edificazioni. Venne avviato il restauro del centro storico cittadino e il concetto di centro storico fu esteso ai quartieri popolari di San Giovanni a Teduccio, Barra e San Pietro a Patierno, dove vennero ristrutturati casali e altri edifici. Poi si costruirono tredicimila alloggi in aree che il Comune fece espropriare. Artefice dell’esperimento fu Vezio De Lucia : « Ereditavamo una riflessione culturale che risaliva agli anni Sessanta, alla cosiddetta Carta di Gubbio, che considerava i centri storici non solo un concentrato di monumenti, ma un tessuto urbano da tutelare nel suo complesso ».

Il centro storico venne considerato il nucleo dal quale si era sviluppata in genere la città italiana. Furono messe a punto tecniche di recupero straordinariamente avanzate. La principale delle quali è l’analisi tipologica : Saverio Muratori e poi Gianfranco Caniggia e Paolo Maretto individuarono un numero limitato di tecniche costruttive standard che potevano essere riprodotte sistematicamente (larghezza delle travi, distanza fra i muri portanti, ecc.). Il primo esperimento di restauro di una parte di centro storico risale al 1972. Fu Pier Luigi Cervellati ad attuarlo a Bologna. « Quelle competenze sono il grande vanto che l’urbanistica italiana può esibire in Europa e nel mondo », insiste De Lucia, « e tornano utili in situazioni drammatiche come quella abruzzese ». Tecniche analoghe vennero praticate a Gemona, in Friuli, e a Sant’Angelo de’ Lombardi, in Irpinia. E a Napoli. Laddove invece i centri storici sono stati o parzialmente o del tutto abbandonati per edificare nuovi insediamenti, i risultati sono sconvolgenti, come in quei paesi campani (Laviano, per esempio), che sfoggiano abitati informi, slabbrati, senza un centro.

Per Franco Purini, architetto e professore a Roma, « il recupero di un centro antico distrutto va attuato con metodo filologico, ma nuovi quartieri sono indispensabili ». Nuovi quartieri, non nuove città. « È proprio l’antico che ce lo chiede », spiega, « perché il patrimonio edilizio del passato può non andare bene per le esigenze di sostenibilità e di sicurezza. Nuovi quartieri che però creino spazi pubblici e agevolino il formarsi di comunità ». Lo spettro, invece, di insediamenti senza qualità è evocato da Guido Martinotti, sociologo urbano : « Riferirsi alle new towns è del tutto infelice. L’esperienza inglese è completamente diversa, ma ci sono voluti decenni prima che molte di esse diventassero vivibili. Centri storici come quelli abruzzesi hanno valore non solo per gli aspetti fisici, ma perché offrono un invidiabile senso comunitario ».

« Una soluzione buona in assoluto non esiste », interviene Italo Insolera, fra i decani dell’urbanistica italiana. « Le esperienze migliori sono avvenute usando il lanternino ». Tendenzialmente la strada maestra indicata da Insolera è quella di ricostruire un centro storico "com’era, dov’era". « Le città non si possono buttare via e rifare, sono il punto in cui convergono tante funzioni - la residenza, il lavoro, gli uffici - che non si inventano. Più che alle new towns inglesi io guarderei ai quartieri Ina-Casa, realizzati in Italia dal 1949 al 1963 ».

Recupero dell’antico o costruzione del nuovo ? « È una falsa dialettica », sintetizza l’architetto Paolo Desideri. « Spero che nessuno immagini una costruzione ex novo come alternativa al recupero del centro storico. Il disastro di un terremoto è l’occasione inesorabile per sperimentare il moderno nel centro storico. Altro che new towns ». A possibili trasformazioni pensa anche l’urbanista Paolo Berdini. Ma non d’architettura : « Le distruzioni di un terremoto possono consentire di eliminare dai centri storici le alterazioni compiute negli ultimi decenni, che comunque sono le prime ad essere crollate a L’Aquila. E anche di localizzare altrove alcune funzioni che lo soffocano, i tribunali, le prefetture, le università ».

* Eddyburg : la Repubblica,09.04.2009


Sul tema, nel sito, si cfr. :

TERREMOTO, CULTURA, POLITICA E TERRITORIO ... LA TRAGEDIA DELL’ABRUZZO, UN SECOLO DI TERREMOTI, E IL SENSO DELLA REALTA’ PERDUTO. LA VERITA’ DA RISTABILIRE E L’ ITALIA TUTTA DA RICOSTRUIRE - MORALMENTE E FISICAMENTE.

Terremoto d’Abruzzo e Camorra. Saviano, cittadino onorario de L’Aquila, visita le zone del sisma e lancia l’allarme


Répondre à cet article

Forum