Rubati i computer ed alcuni documenti ad Emiliano Morrone, direttore di "La Voce di Fiore"

‘Ndrangheta, furto in casa del giornalista Morrone

Come far capire ad un giornalista che è meglio che non scriva
lundi 20 septembre 2010.
 

‘Ndrangheta, furto in casa del giornalista Morrone di Danilo Sinibaldi

Ancora una intimidazione, sotto forma di rapina, nei confronti del collega Emiliano Morrone : Tra le 22 e le 23 del 9 settembre sconosciuti si sono introdotti nella sua abitazione di Roma, attraverso una finestra blindata portandosi via un pc fisso, il suo “inseparabile” portatile e una borsa con documenti e appunti. L’episodio è stato prontamente denunciato alla polizia.

Per chi non lo conoscesse, Emiliano Morrone è un giornalista da sempre impegnato contro la criminalità organizzata. Autore, insieme con Francesco Saverio Alessio, de “La società sparente”, un testo che analizza i rapporti tra ‘Ndrangheta e politica in Calabria, ha promosso numerose azioni di denuncia in rete e in televisione, facendo nomi e cognomi di boss, ‘ndranghetisti, esponenti politici e imprenditori collusi con la malavita. Alle scorse amministrative, è stato candidato come indipendente, al Consiglio regionale della Calabria nella lista dell’Italia dei Valori.

“Penso non si tratti di un normale furto - dice Morrone -, perché i ladri si sono impossessati di due computer che contenevano materiale per me importantissimo : file con interviste, testimonianze, ordinanze e vari capitoli di quello che doveva essere il mio prossimo libro di denuncia. Anni di lavoro vanificati in un attimo, con una gravissima violazione alle mie libertà personali ; non mi sento più sicuro”.

Ciò che fa riflettere e che preoccupa, perché avvalora i timori di Morrone, è che i “ladri” hanno lasciato un computer non ancora usato, del valore di oltre 2mila euro : quasi sapessero che non in quegli hard disk non avrebbero trovato nulla di interessante. Tutto fa pensare ad un gesto intimidatorio per tacitare una fonte che dà voce ai tanti, troppi episodi di illegalità che limitano la libertà e la democrazia in molte zone del nostro Mezzogiorno. Ricordiamo che già in passato Emiliano Morrone è stato vittima di minacce puntualmente denunciate alle forze dell’ordine. Evidentemente qualcuno vuole fermare una coscienza critica, una penna scomoda.

www.articolo21.org

Segnali raffinati. Come far capire ad un giornalista che è meglio che non scriva di Francesco Saverio Alessio

“Stato” facebook di Emiliano Morrone del 10 settembre 2010 : « Stanotte, intorno alle 23, qualcuno è entrato in casa mia dal terrazzo e, sfondando una porta metallica, ha rubato i miei due computer, un fisso 24 pollici e un portatile. Ho perso tutti i miei scritti, appunti, contatti, documenti. Non è stato preso il notebook di servizio, non mio, contenente diverso materiale. Ero uscito alle 21,15 e rientrato verso mezzanotte. Grazie a chi mi ha espresso vicinanza e solidarietà ».

Quando non bastano le intimidazioni di ogni tipo : minacce, querele, richieste di sequestro del tuo libro, gli infiniti attacchi degli hakers ai tuoi siti web, i “messaggi” di Cossiga (buonanima !), la desertificazione delle occasioni di lavoro, i simpaticoni che mentre passano sfiorandoti a fianco in automobile ti urlano « Ve tagliämu a capu ! ‘nfämi ! », le persone “per bene” che ti dicono : « Ma chi te lo fa fare !, non cambierà mai niente », nel terzo millennio, in Italia, prima di farti sparire, spararti definitivamente o farti trovare “suicidato” ti sfondano la porta di casa mentre sei fuori per sole tre ore e ti rubano tutto quello che rappresenta il tuo pensiero.

L’episodio del furto in casa di Emiliano Morrone - giornalista e scrittore da sempre impegnato contro le mafie, fondatore del laboratorio di produzione culturale online “La Voce di Fiore” del quale è anche direttore responsabile, e poi di ndrangheta.it, di emigrati.it, ed altri siti web - così precisamente mirato alle sue inchieste giornalistiche - hanno rubato solo i suoi computer personali e non quello che usa per lavoro per un altro tipo di attività, hanno aperto diverse borse ma hanno portato via solo quella con documenti d’inchiesta e stampati vari, hanno aperto una piccola cassaforte dopo aver cercato e trovato le chiavi - assume connotati assolutamente inquietanti e preoccupanti. Sono “menti raffinatissime” quelle che hanno violato la soglia di casa di Emiliano Morrone. Lasciano messaggi precisi. Avvertimenti nefasti. Mortali ? Spero di no !

Chiedo a tutti di tenere altissima la guardia intorno a quest’uomo. Un vero uomo. Semplice. Sincero. Vero. Non i coboldi incocainati a cui ci hanno abituato queste bestie del potere contemporaneo. Chiedo a tutti di manifestare il proprio sdegno ! Se lo si prova...se la propria dignità viene ancora offesa quando offendono quella di un’altro.

Con profondo rispetto per chiunque legga.

www.gliitaliani.it

La Redazione di "La Voce di Fiore" esprime tutto il suo affetto, la sua stima e la sua solidarietà al direttore Emiliano Morrone per i gravissimo atto intimidatorio e per il furto subito.

Emiliano Morrone continua ad essere intimidito, e tutti noi continuiamo a stargli vicino.

AVAMPOSTO : nella Calabria dei giornalisti infami : Segnali raffinati. Come far capire ad un giornalista che è meglio che non scriva.


Répondre à cet article

Forum