Nuovo comunicato stampa

San Giovanni in Fiore, l’ex sindaco incontra i cittadini domenica 6 marzo

Il sindaco sfiduciato dopo soli 9 mesi di amministrazione, spiega in un dibattito il perchè si debba ricorrere di nuovo alle urne
dimanche 6 mars 2011.
 

Il Comitato pro-Antonio Barile sindaco comunica che l’incontro-dibatto “Perché di nuovo al voto a San Giovanni in Fiore”, programmato per domenica 27 febbraio, si terrà domenica 6 marzo, alle ore 17, presso il Polifunzionale di San Giovanni in Fiore. Si ricorda che Barile, sostenuto da Pdl, Udc e Rd, nel 2010 vince le elezioni comunali a San Giovanni in Fiore (Cs) con 7.297 preferenze e il 64,48 % dei consensi, conquistando una roccaforte storica del centro-sinistra. Dopo nove mesi di attività amministrativa viene “sfiduciato” attraverso le dimissioni contestuali dei consiglieri d’opposizione che in consiglio comunale erano in maggioranza. Il motivo delle dimissioni è formalmente l’ospedale cittadino coinvolto dal Piano di rientro sanitario del governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti. Nella sostanza è una mai accettata sconfitta che ha portato a calpestare le più elementari regole democratiche, a non rispettare l’esito delle urne e il senso nobile della Legge 81, con pretesti che ormai una società civile, avanzata, moderna non si può più permettere. È il segno stesso della maturità politica farlo e riconoscerlo, della mediocrità non prenderne atto. Ad oggi il comune è commissariato, in attesa di nuove elezioni che si terranno il 15 e il 16 maggio prossimo. Per questi motivi il dott. Barile incontra e dibatte con i cittadini e la stampa.

PER SEGUIRE LA DIRETTA WEB, CLICCA QUI


Si comunica che l’iniziativa programmata per oggi domenica 27 febbraio alle ore 17,30 presso il Polifunzionale di San Giovanni in Fiore (Cs), "Perchè di nuovo al voto a San Giovanni in Fiore ?", è stata rinviata a data da destinarsi, a causa dell’improvvisa e prematura scomparsa di un dipendente comunale.

Comitato pro-Antonio Barile sindaco

via Panoramica 140

87055 San Giovanni in Fiore CS

"Antonio Barile, sostenuto da Pdl, Udc e Rd, nel 2010 vince le elezioni comunali a San Giovanni in Fiore (Cs) con 7.297 preferenze e il 64,48 % dei consensi, conquistando una roccaforte storica del centro-sinistra. Dopo nove mesi di attività amministrativa viene “sfiduciato” attraverso le dimissioni contestuali dei consiglieri d’opposizione che in consiglio comunale erano in maggioranza. Il motivo delle dimissioni è formalmente l’ospedale cittadino coinvolto dal Piano di rientro sanitario del governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti. Nella sostanza è una mai accettata sconfitta che ha portato a calpestare le più elementari regole democratiche, a non rispettare l’esito delle urne e il senso nobile della Legge 81, con pretesti che ormai una società civile, avanzata, moderna non si può più permettere. È il segno stesso della maturità politica farlo e riconoscerlo, della mediocrità non prenderne atto. Ad oggi il comune è commissariato, in attesa di nuove elezioni che, verosimilmente, si terranno a maggio prossimo. Per questi motivi, domenica 27 febbraio, alle ore 17:30, presso il Polifunzionale di San Giovanni in Fiore, Antonio Barile incontra e dibatte con i cittadini e la stampa sul tema « Perché di nuovo al voto a San Giovanni in Fiore ? ». Modera l’incontro il vicedirettore della Voce di Fiore, Vincenzo Tiano".

Comitato pro-Antonio Barile sindaco

via Panoramica 140

87055 San Giovanni in Fiore CS


Articoli collegati :

Morrone : "Resto in disparte per San Giovanni in Fiore, e la Voce mantiene la libertà degli albori"

Ratificato lo scioglimento del Consiglio. I cittadini torneranno a votare a maggio


Répondre à cet article

Forum