"Deus caritas est" : il "dio" di una chiesa senza "acca" ("charitas"), senza grazia ("charis") !!!

SPACCARE L’ITALIA. Dopo "W o ITALY" (Wojtyla), SENZA PIU’ FRENI, IL "BerlUSHonismo" IN VATICANO !!! Cristianesimo, Gerarchia della Chiesa cattolica, e Costituzione della Repubblica. Il problema non è la Chiesa, la comunità dei fedeli. Il problema è una gerarchia ecclesiastica incapace di guardare con umanità ai problemi di una società in trasformazione. Un "commento" di Marco Politi - a cura di pfls

mercredi 28 février 2007.
 

[...] Il cattolico quotidiano del Duemila vive tranquillamente accanto ai diversamente credenti, senza complessi da stato d’assedio, senza l’ossessione di imporre la propria visione. E tutta la questione delle convivenze di fatto e delle stesse coppie gay è vissuta da anni molto serenamente, pragmaticamente, con umana sensibilità dalla maggioranza degli italiani a qualunque credenza si richiamino. Perché una cosa è chiarissima : la vicenda delle unioni civili non è uno scontro tra cattolici e laici. Non è oggetto di una guerra tra fedi. Ciò che emerge è il gap tra la gerarchia ecclesiastica e la società italiana come è nella realtà.

Per i cattolici quotidiani, e gli altri, le coppie di fatto non sono un astratta drago rovina-famiglie. Sono i nostri figli, i nostri amici, spesso noi stessi. Uomini e donne in carne e ossa, senza ideologie, con la fatica dell’esistenza e il desiderio di essere un po’ felici. E le aborrite unioni gay le incontriamo a cena, sui posti di lavoro, nei luoghi dove passiamo le nostre vacanze. E sono normali cittadini e normali conviventi [..]

-  "TEBE" : IN VATICANO NON C’E’ SOLO LA "SFINGE" - C’E’ LA "PESTE" !!! Caro Benedetto XVI ... DIFENDIAMO LA FAMIGLIA !? MA QUALE FAMIGLIA - QUELLA DI GESU’ (Maria - e Giuseppe !!!) O QUELLA DI EDIPO (Laio e Giocasta) ?!



LA GERARCHIA ECCLESIASTICA E I CAMBIAMENTI DELLA SOCIETA’

di Marco POLITI *

LA SFIDA CULTURALE È QUESTA : EVITARE DI RIPIOMBARE NEL XXI SECOLO IN GUERRE DI PARTITI RELIGIOSI OGNUNO DEI QUALI BRANDISCE IL NOME DI DIO PER RICHIESTE "NON NEGOZIABILI" LADDOVE LA POLITICA È NEGOZIATO, ANCHE COMPROMESSO TRA DIVERSE VISIONI DEL MONDO

DICE RATZINGER CHE LA "FEDE IN ITALIA È MINACCIATA". PAROLE PESANTI. CHIUNQUE VIAGGI PER L’ITALIA, ASSISTENDO AD UNA VITALITÀ RELIGIOSA - GIOIOSA, CHE SI ESPRIME IN MILLE RIVOLI NELLE PIEGHE DELLA SOCIETÀ - FATICA A RICONOSCERSI IN QUESTA PROFEZIA.

Se l’Italia è la trincea di Dio, allora ogni pressione, invadenza e ricatto della gerarchia ecclesiastica su Parlamento e governo diventano leciti. Se la famiglia rischia la rovina, allora è urgente negare il riconoscimento alle coppie di fatto. Se il rapporto naturale tra uomo e donna sta franando, allora è missione divina cancellare la pubblica accettazione del patto d’amore tra due partner gay.

Bisogna andare alle radici culturali dell’atteggiamento di Benedetto XVI per capire la durezza dello scontro in atto, che ha per posta la laicità dello Stato. O, per essere più semplici, il diritto dei cittadini tutti di farsi democraticamente le leggi senza attendere il timbro di un’autorità confessionale. Perché la sfida culturale è questa : evitare di ripiombare nel XXI secolo in guerre di partiti religiosi, ognuno dei quali brandisce il nome di Dio per richieste « non negoziabili ». Laddove la politica è negoziato, confronto, anche compromesso tra diverse visioni del mondo.

Dice Ratzinger al clero romano che la « fede in Italia è minacciata ». Parole pesanti. Chiunque viaggi per l’Italia, assistendo ad una vitalità religiosa - gioiosa, attivissima, che si esprime in mille rivoli nelle pieghe della società - fatica a riconoscersi in questa profezia. E qualsiasi osservatore straniero, che guardi al cattolicesimo italiano florido di associazioni, movimenti, gruppi, giornali, televisioni, scuole, università, ospedali, centri caritativi, e con un’istituzione ecclesiastica ben sostenuta dal bilancio statale, sbarrerebbe gli occhi dinanzi all’irreale allarme per una Chiesa minacciata.

Ma papa Ratzinger è ancora più pessimista. « Siamo di fronte ad una multiforme azione, tesa a scardinare le radici cristiane della civiltà occidentale », ha proclamato nel novembre scorso al congresso dei settimanali cattolici italiani. Sembra di risentire i « profeti di sventura » che Giovanni XXIII, aprendo il concilio Vaticano II, invitava sorridendo a lasciare da parte.

Corrisponde questo atteggiamento allo stato d’animo dei milioni di « cattolici quotidiani », che vanno a messa, si impegnano in parrocchia, pregano, riflettono su Dio e la propria esistenza e comunque, con minore o maggiore pratica, si sentono parte della comunità dei cristiani ? No. Va detto con assoluta franchezza. Quando da alti pulpiti si sente risuonare minacciosamente « Non possumus », andrebbe subito domandato : non possumus chi ?

Il cattolico quotidiano del Duemila vive tranquillamente accanto ai diversamente credenti, senza complessi da stato d’assedio, senza l’ossessione di imporre la propria visione. E tutta la questione delle convivenze di fatto e delle stesse coppie gay è vissuta da anni molto serenamente, pragmaticamente, con umana sensibilità dalla maggioranza degli italiani a qualunque credenza si richiamino. Perché una cosa è chiarissima : la vicenda delle unioni civili non è uno scontro tra cattolici e laici. Non è oggetto di una guerra tra fedi. Ciò che emerge è il gap tra la gerarchia ecclesiastica e la società italiana come è nella realtà.

Per i cattolici quotidiani, e gli altri, le coppie di fatto non sono un astratta drago rovina-famiglie. Sono i nostri figli, i nostri amici, spesso noi stessi. Uomini e donne in carne e ossa, senza ideologie, con la fatica dell’esistenza e il desiderio di essere un po’ felici. E le aborrite unioni gay le incontriamo a cena, sui posti di lavoro, nei luoghi dove passiamo le nostre vacanze. E sono normali cittadini e normali conviventi.

C’è un passo straordinario nella relazione che il presidente della Cei, cardinale Ruini, ha letto al consiglio permanente dei vescovi nel gennaio scorso : « Esaminando in concreto la realtà delle unioni di fatto, quelle tra persone di sesso diverso sono certamente in aumento ». Si tratta di un milione di uomini e donne, giovani e adulti, di cui i cattolici sono la grande maggioranza. Stupefacente è il tono en passant con cui il porporato dà per scontata una rivoluzione profonda avvenuta negli ultimi trent’anni. Arrivare a questa cifra significa che centinaia di migliaia di figli della Chiesa non considerano una puttana la ragazza che ha rapporti prematrimoniali, non considerano vergognosi concubini due partner che vivono assieme, non considerano peccato gli anticoncezionali, il divorzio, le interruzioni di gravidanza (esattamente come milioni di altri credenti sposati in chiesa o in municipio). In altre parole hanno impostato la propria vita secondo regole diametralmente opposte a quelle ossessivamente indicate per decenni dalla gerarchia ecclesiastica. E ciò nondimeno continuano il loro dialogo con Dio, vanno a messa, e spesso si impegnano in iniziative ecclesiali.

Il problema, allora, non è la Chiesa, la comunità dei fedeli. Il problema è di una gerarchia ecclesiastica incapace di guardare con umanità ai problemi di una società in trasformazione, in cui la « famiglia » è radicalmente diversa da quella di cinquant’anni fa. Una gerarchia che pretende di rappresentare in politica i cittadini cattolici, che né esistenzialmente né politicamente hanno dato all’istituzione ecclesiastica un mandato del genere. Il paradosso, semmai, è che non tutti i vescovi condividono l’immagine di una società contemporanea « nemica » della Chiesa, mentre una serie di politici - per pura convenienza - scelgono la Cei invece dei cittadini.

Forse è l’ora di rivalutare la libertà delle coscienze, nel Parlamento e fuori. In Europa democristiani e socialisti, liberali e conservatori hanno da tempo risolto civilmente questi problemi.

* la Repubblica, 27.02.2007, p. 21


SUL TEMA - IN PARTICOLARE SULLA LIBERTA’ DELLE COSCIENZE, NEL SITO, SI CFR. :

-  COSCIENZA, DITTATURA, E COSTITUZIONE. Quando il sentirsi “a posto” con la coscienza significa rimuovere, negare, non vedere o non voler vedere le conseguenze della propria decisione. Una nota di Umberto Galimberti

-  CHIESA, POLITICA, E ... "MAMMASANTISSIMA". INTERVISTA AL CARDINALE PAPPALARDO di Ariel Levi di Gualdo

-  GLI "UOMINI VALOROSI" ("ANDRAGATHIA") DELLA CHIESA, LA "SACRA" FAMIGLIA DI "MAMMASANTISSIMA", E LA "RISATA" DI PIRANDELLO
-  L’antropologia come la teologia della "sacra famiglia" della gerarchia vaticana è zoppa e cieca : è quella del ’Figlio’ che prende - accanto alla Madre - il posto del padre "Giuseppe" e dello stesso "Padre Nostro"...

-  Disegno di legge sulle coppie di fatto. I "Dico" e la "Pacsia" vaticana !!! Monsignor Luigi Bettazzi, vescovo emerito di Ivrea dice : « Mi pare sia una cosa abbastanza ben fatta ». « Da quanto ho visto si tratta di riconoscimenti dei diritti individuali. Il fatto poi che stiano insieme...anche noi in fondo nei conventi siamo persone dello stesso sesso che vivono insieme ».

-  "TEBE" : IN VATICANO NON C’E’ SOLO LA "SFINGE" - C’E’ LA "PESTE" !!! Caro Benedetto XVI ... DIFENDIAMO LA FAMIGLIA !? MA QUALE FAMIGLIA - QUELLA DI GESU’ (Maria - e Giuseppe !!!) O QUELLA DI EDIPO (Laio e Giocasta) ?!


Répondre à cet article

Forum