Il magistero di "Mammona" ("Deus caritas") e della Morte ("ictus") contro il magistero evangelico dell’Amore ("Deus charitas") e della Vita ("I.ch.th.u.s.")!!!

A partire dalla relazione di due persone, di due cittadini sovrani ("Maria" e "Giuseppe") - e dal nostro presente!!! Chi ha paura della famiglia?! Il Vaticano e la Cei barano alla grande e offendono l’intero popolo italiano!!! E usano (ciecamente) "la famiglia naturale" come arma contro la stessa lezione evangelica e la Costituzione Italiana, la nostra "Bibbia civile"!!! Un editoriale di Lucia Bellaspiga (Avvenire) contro una nota di Riccardo Chiaberge (Il Sole-24 ore) - a cura di pfls

domenica 1 aprile 2007.
 
[...] Per smentirci, Chiaberge adduce le sue, di prove: «Nelle Trobriand la patria potestà sui figli spettava allo zio materno, non al padre». Non lo sapevamo e ne prendiamo volentieri atto, però le cose non cambiano: uomini e donne per millenni si sono sposati, sono andati davanti a un’ara, di fronte a qualche dio e sono diventati famiglia, è sempre accaduto. Ancora a Chiaberge, che ricorda poi come i Greci praticavano la pedofilia, diciamo che siamo perfettamente d’accordo. E che anche oggi che la pedofilia dilaga nessuno si sogna di dire che la famiglia quindi non è più di questo mondo [...]

editoriale

Famiglia, perché la storia dà fastidio?

di Lucia Bellaspiga (Avvenire/Agorà, 23.03.2007)

O tempora, o mores... Pare proprio che entrambi - i tempi e i costumi - siano cambiati parecchio negli ultimi mesi: se solo un anno fa avessimo scritto su queste pagine un’ovvietà, come ad esempio che Ulisse e Penelope erano marito e moglie e che la famiglia contava, oltre a loro, pure il figliolo Telemaco, nessuno avrebbe avuto da ridire, proprio perché le ovvietà, come le verità lampanti e indiscutibili, non suscitano dibattito. Ma i tempi (e i costumi) hanno evidentemente avuto un’improvvisa virata, visto che ci è bastato scrivere che la famiglia - intesa come unione di un uomo e una donna uniti in matrimonio, con ruoli ben distinti e di solito dei figli - ha origini di gran lunga precedenti al cristianesimo, per suscitare l’indignazione di intellettuali e media.

Alcuni giornali si sono rivolti ad esperti per poter contraddire, attraverso voci autorevoli, gli altrettanto autorevoli storici che su «Avvenire» avevano citato numerose testimonianze archeologiche e letterarie sull’antichità del matrimonio. Ma perché? Chi ha paura della famiglia?, verrebbe da dire. Il fatto è che il nostro discorso, prettamente storico-archeologico, è stato da altri trascinato su un piano politico-idologico, e sappiamo bene quanto la storia (come indagine documentata ed imparziale) da sempre faccia a pugni proprio con l’ideologia e la politica, ovviamente parziali.

«Nei millenni passati sarà anche esistita la famiglia - hanno ribattuto gli esperti - ma c’erano anche forme di poligamia, famiglie allargate, unioni omosessuali e perfino la pedofilia». Il che è assolutamente vero, ma non intacca minimamente ciò che abbiamo scritto: che la famiglia e il matrimonio esistevano già prima di Cristo. Siamo i primi a dire che poligamia, unioni omosessuali e rapporti pedofili sono stati una realtà - seppure molto minoritaria - in varie epoche e presso molte civiltà, ma questo purtroppo non ci pone affatto in contraddizione.

«Operazione temeraria», ha tuonato Riccardo Chiaberge sul «Sole 24 Ore», parlando di «fini propagandistici» e di «una singolare campagna del quotidiano della Cei». Singolare campagna dire che più di tremila anni fa Penelope e Ulisse erano convolati a giuste nozze? Fino a ieri si chiamava semplice cultura, piuttosto terra terra anzi, bastava una superficiale lettura omerica...

Per smentirci, Chiaberge adduce le sue, di prove: «Nelle Trobriand la patria potestà sui figli spettava allo zio materno, non al padre». Non lo sapevamo e ne prendiamo volentieri atto, però le cose non cambiano: uomini e donne per millenni si sono sposati, sono andati davanti a un’ara, di fronte a qualche dio e sono diventati famiglia, è sempre accaduto. Ancora a Chiaberge, che ricorda poi come i Greci praticavano la pedofilia, diciamo che siamo perfettamente d’accordo. E che anche oggi che la pedofilia dilaga nessuno si sogna di dire che la famiglia quindi non è più di questo mondo.

Luigi Lombardi Satriani, docente di Etnologia alla Sapienza, sul «Corriere» accenna invece ad antiche società poligamiche e ammonisce a non sostenere il contrario «in un clima come l’attuale in cui si combatte erroneamente una guerra di religione intorno all’istituzione matrimoniale monogamica».

Eccolo qua il punto: ci viene il sospetto che proprio di «guerra di religione» si tratti, una guerra non nostra. La storia non si piega alle esigenze dell’ideologia e i Dico potrebbero essere la più giusta delle invenzioni ma questo - se si è seri -non negherebbe comunque l’evidenza: Penelope era moglie di Ulisse, e nemmeno le note scappatelle del marito possono scalfire questa certezza. Con buona pace dei Proci.



Sul tema, nel sito, si cfr.:

IL VATICANO NON SA PIù CHE "PESCE" (I.ch.th.u.s.) PRENDERE - "CRISTO" CON O SENZA LA "H"?! Ebraico, greco, e "latinorum". Dopo "Deus caritas est", tutta la teologia "cattolica" insiste ancora: "Sacramentum caritatis"!!! Non c’è che dire: il pesce puzza dalla testa!!! Una nota di Federico La Sala e una lettera aperta al predicatore del Papa di p. Fausto Marinetti. Restituire a Giuseppe l’anello del Pescatore!!!

Il Grande Fratello non è il Padre Nostro!!! IN NOME DEL SUO "DIRITTO NATURALE" E DELLA SUA "CARITAS", LA "PACSIA" DELLA CHIESA DI PAPA RATZINGER VA OLTRE OGNI LIMITE: A DIFESA DELLA FAMIGLIA DI "GERTRUDE" CONTRO LA FAMIGLIA DI "LUCIA" E LA COSTITUZIONE ITALIANA!!! LA LEZIONE DI ALESSANDRO MANZONI - di Federico La Sala. La crisi epocale dell’ordine simbolico di "mammasantissima" ("patriarcato": la vecchia alleanza "edipica" - del Figlio con la Madre).

-  Al di là della Trinità "edipica" - e "della terra e del sangue"!!! FESTA DI SAN GIUSEPPE E DEL PAPA’ - NON DEL PAPA!!! Il cristianesimo non è un partito - il "cattolicesimo"!!! BASTA CON LA "MALA EDUCACION" E CON LA "MALA FEDE"!!! RESTITUIRE A GIUSEPPE L’ANELLO DEL "PESCATORE" E GIUSEPPE A MARIA E ALLA SUA FAMIGLIA - UMANA E DIVINA!!! LA QUESTIONE EPOCALE E CRUCIALE INVESTE L’ AVVENIRE DELL’INTERA UMANITA’, NON QUELLO DEI VESCOVI DELLA CHIESA "CATTOLICA".

-  "RISUS PASCHALIS": "PREPARATIVI PER UNA PASQUA ECUMENICA" A VENEZIA. NELLA BASILICA DI SAN MARCO IL CARDINALE PATRIARCA SCOLA TOGLIE LA "PAROLA" AGLI ALTRI ... E LI "RIDUCE ALL’OBBEDIENZA". E, da "vero generale" dell’imperatore-papa Costantino, scrive e "grida": questo e’ il dialogo e questo è l’ ecumenismo!!! Una nota di Federica Ambrosini

-  BASTA CON LA MENZOGNA DI "DIO". IO VENGO DALL’ AMORE DI "D-ue-IO"!!! USCIRE DALLO STATO DI MINORITA’ (E DI PRETESA MATURITA’), SIA AGNOSTICO SIA ATEO SIA RELIGIOSO!!! RATZINGER-HABERMAS: ALLEATI CONTRO I DISFATTISTI?! RUINI, nella "Prolusione" all’ottavo Forum del "Progetto Culturale", attacca benissimo Habermas ... e se stesso (e lo stesso Ratzinger-Benedetto XVI)!!! Possenti Numi - che "forza" e che confusione!!!


Rispondere all'articolo

Forum