ITALIA. La Parola della Carta Costituzionale e della Carta d’Identità ... privatizzata e registrata !!! Che indecenza !!!

IL LOGO DELLA PACE (Gran Bretagna 1958 : Simbolo della Campaign for nuclear Disarmement). Il ministro per la Solidarietà sociale, Paolo Ferrero : ’’E’ un simbolo che ho incontrato dappertutto : in Europa come in America. E’ un simbolo universale, riconosciuto in tutto il mondo (...) non è stato mai registrato. Non è di nessuno quindi è di tutti’’ - a cura di pfls

’’nella società di oggi i ’valori’ e i simboli hanno più valore di un tempo. La società ha bisogno di identificazioni simboliche’’
lundi 18 février 2008.
 

L’esportazione e la consacrazione negli Usa

Il simbolo della pace compie 50 anni

Nato nel 1958 in Gran Bretagna, è composto da una linea verticale e da due linee inclinate verso il basso, inscritte in un cerchio. A ispirare il logo un quadro di Goya e le segnalazioni a vista dei marinai. E la cosa curiosa è che il marchio non è mai stato registrato. Il ministro della Solidarietà sociale, Ferrero : ’’Non è di nessuno e quindi è di tutti’’

Roma, 17 feb. (Adnkronos) - Mezzo secolo e ancora contemporaneo. Compie cinquant’anni il simbolo della pace, composto da una linea verticale e due linee inclinate verso il basso, inscritte in un cerchio. Diventato negli anni uno dei loghi più conosciuti, associato all’America degli anni ‘60 e alla cultura hippie, nasce in realtà in Gran Bretagna nel 1958 come simbolo della Cnd (Campaign for nuclear Disarmement), organizzazione pacifista che aveva tra i suoi promotori il filosofo Bertrand Russell (1872-1970). Il primo utilizzo pubblico del simbolo risale infatti alla marcia di Aldermaston, località sede di una base militare e di una fabbrica di armi nucleari, in Inghilterra, come descritto in un articolo sulla manifestazione dal ‘Manchester Guardian’.

A inventare il simbolo, che è riuscito a imporsi sul suo più diretto concorrente, la colomba della pace di Picasso, è stato Gerald Holtom. Obiettore di coscienza durante la Seconda guerra mondiale, decisione non scontata per quei tempi, Holtom, al termine del conflitto si avvicinò al Cnd diventandone presto attivista. Ai membri dell’organizzazione propose uno strano logo disegnato, qualche tempo prima, in nome della pace.

L’idea nacque dopo aver studiato l’opera di Goya sui popolani madrileni fucilati dalle truppe di Napoleone. In particolare, la sua attenzione cadde su due personaggi : uno morto con le braccia abbassate e un altro vivo con le braccia alzate. Stilizzando tali posizioni e ispirandosi alla gestualità che i marinai utilizzano per comunicare a distanza tramite le bandierine (la lettera ‘N’ di ‘nuclear’, indicata dalla linea verticale, la lettera ‘D’ di ‘disarmament’, corrispondente alle linee inclinate, e il cerchio che rappresenta la parola ‘globale’), realizzò il simbolo della pace che i pacifisti inglesi riprodussero durante le marce da Londra ad Aldermaston.

Proprio nel 1958 vennero realizzati i primi distintivi in ceramica con il simbolo della pace. Oggetti che furono distribuiti con un foglietto ‘di istruzioni’ nel quale si spiegava che in caso di disastro atomico quello sarebbe stato uno dei pochi manufatti umani a restare integro.

Alle marce tra Londra e Aldermaston parteciparono molte persone tra cui un collaboratore di Martin Luther King, Bayard Rustin, che, affascinato dall’idea, ’esportò’ il simbolo negli Stati Uniti dove venne adottato dagli attivisti per i diritti civili. Nella metà degli anni ‘60, comparve nelle dimostrazioni contro la guerra del Vietnam, dipinto sulle bandiere americane, sui vestiti dei contestatori e persino sugli elmetti dei militari impegnati al fronte, oltre che su milioni di spille, magliette, affiancato allo slogan “Fate l’amore non fate la guerra”, mobili e tessuti di arredamento, portaceneri, asciugamani.

Nello stesso periodo, ‘sponsorizzate’ dalle chiese fondamentaliste americane, nacquero leggende circa supposte origini sataniche del simbolo, visto che con molta fantasia lo si può interpretare come una croce spezzata. Ma il successo popolare continua da mezzo secolo, sui muri di Sarajevo e di Timor Est, nelle manifestazioni, sui diari o gli zainetti dei ragazzi. E la cosa curiosa è che nessuno, né Holtom né la Cnd, ha mai registrato il marchio.

Secondo il ministro per la Solidarietà sociale, Paolo Ferrero, nonostante il mezzo secolo di vita, quello della pace “non è affatto un simbolo sorpassato e, anzi, è entrato a pieno titolo nella modernità”. Ferrero spiega all’ADNKRONOS che ’’nella società di oggi i ’valori’ e i simboli hanno più valore di un tempo. La società ha bisogno di identificazioni simboliche’’.

’’Sia come simbolo pacifista che come simbolo antimilitarista” - afferma Ferrero - il simbolo della pace “fa parte del vissuto contemporaneo e non è affatto stato ‘soppiantato’ dalla bandiera con i colori dell’iride. La bandiera - spiega - ha una caratterizzazione più nettamente pacifista o, se si vuole buonista. Mentre il simbolo della pace ha anche una carica antimilitarista, è simbolo dell’obiezione di coscienza. Non solo quindi ricerca della pace, ma rifiuto delle armi, dell’impegno personale contro l’uso delle violenza e per il riconoscimento dei diritti”.

E conclude : ’’E’ un simbolo che ho incontrato dappertutto : in Europa come in America. E’ un simbolo universale, riconosciuto in tutto il mondo. E questo - sottolinea - è forse dovuto proprio al fatto che non è stato mai registrato. Non è di nessuno quindi è di tutti’’.


Sul tema, nel sito, si cfr. :

ELEZIONI. PARTITI E "LOGO" : "FORZA ITALIA" HA FATTO "SCUOLA AL CENTRO".

L’ITALIA - IL PAESE DELL’IDENTITA’ RUBATA E DELLA DIGNITA’ PERDUTA

LA PAROLA RUBATA. L’ITALIA "CONFUSA E AGITATA" E OFFESA !!! PRIMA DELLE ELEZIONI, RIMUOVERE LA TRAPPOLA DEL LOGO DEL PARTITO DI BERLUSCONI. Caro Presidente della Repubblica ... una domanda : ma può un Partito usare come Nome e Bandiera di "parte" il Nome e la Bandiera di TUTTO il Popolo Italiano ?!?


Répondre à cet article

Forum