L’antropologia non è una "andro"pologia - e nemmeno una "andragathia" (’ndrangheta) !!! I soggetti sono due, e tutto è da ripensare....

SULL’ATTACCO DEL PAPA ALLA 194, LA DICHIARAZIONE DELLA PASTORA LETIZIA TOMASSONE, VICE PRESIDENTE DELLE CHIESE EVANGELICHE IN ITALIA (FCEI) - a cura di pfls

mardi 13 mai 2008.
 

DIRITTO ALL’ABORTO

La pastora Tomassone respinge l’attacco del papa alla 194

di Agenzia NEV del 13-5-2008

Per la vice presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia "collegare l’orribile violenza che mina la nostra società alla libertà di interrompere la gravidanza significa vedere nelle donne la porta d’accesso di ogni male" *

Roma, 13 maggio 2008 (NEV-CS24) - La pastora Letizia Tomassone, vice presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), respinge l’attacco di Benedetto XVI alla 194. In merito ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione :

"È esplicito questa volta, nelle parole del papa, il motivo per cui la gerarchia cattolica fa risalire alla legge sull’aborto ogni violenza e degradazione della società occidentale. Si tratta semplicemente del rifiuto che le decisioni etiche siano "affidate al giudizio del singolo". L’etica, per lui, deve stare invece nelle mani della gerarchia, la quale meglio conosce quale sia il bene di ognuno e di ognuna ! A partire da questo disconoscimento della maggiore età delle cittadine e dei cittadini, ogni gesto etico della chiesa cattolica di sostegno e intervento sociale vengono quindi segnati dal paternalismo, quando non dall’imposizione. E’ così che questa chiesa non aiuta le persone a crescere e a decidere in piena libertà e responsabilità.

Eppure il pontefice, nel suo discorso al Movimento per la Vita, cita la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e parla del necessario riconoscimento della "dignità umana". Ma l’attacco a una legge che semplicemente sostiene la capacità delle donne e delle coppie di decidere sulla propria esistenza smentisce la volontà della chiesa cattolica di prendere sul serio quella dignità insieme alla libertà umana.

Collegare l’orribile violenza che mina la nostra società alla libertà di interrompere la gravidanza significa ancora una volta vedere nelle donne la porta d’accesso di ogni male ("la donna porta del diavolo"). E’ vero che assistiamo a una grande violenza sviluppata nella nostra società. Ma la sua genesi va piuttosto trovata nell’incapacità di gestire la libertà, e in un modello umano che spinge verso il consumo e la rapina pur di ottenere successo e soldi. Imparare ad affrontare i tornanti dolorosi dell’esistenza con responsabilità mi pare invece la via privilegiata per crescere e prendersi cura di sé e della convivenza sociale. La menzogna che possiamo delegare ad altri le scelte fondamentali della nostra vita ci rende incapaci di quella libertà che Dio stesso ci ha donato".

-  Articolo tratto da
-  NEV - Notizie Evangeliche
-  Servizio stampa della Federazione delle chiese
-  evangeliche in Italia
-  via Firenze 38, 00184 Roma, Italia
-  tel. 064825120/06483768, fax 064828728,
-  e-mail : nev@fcei.it
-  sito web : http://www.fcei.it

* Il Dialogo, Martedì, 13 maggio 2008


SUL TEMA, NEL SITO, SI CFR. :

Per un ri-orientamento teologico-politico.... Salviamo la Costituzione !!!

LA "SACRA FAMIGLIA" DELLA GERARCHIA VATICANA E’ ZOPPA E CIECA : IL FIGLIO HA PRESO IL POSTO DEL PADRE DI GESU’ E DEL "PADRE NOSTRO" ... E CONTINUA A "GIRARE" IL SUO FILM PREFERITO, "IL PADRINO".

"Deus caritas est". Sul Vaticano, in Piazza san Pietro, il "Logo" del Grande Mercante !!!

-  Uomini e donne, per un "cambio di civiltà"
-  USCIAMO DAL SILENZIO : UN APPELLO DEGLI UOMINI, CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE. Basta - con la connivenza all’ordine simbolico di "Mammasantissima" (l’alleanza edipica della Madre con il Figlio, contro il padre e contro tutti i fratelli e tutte le sorelle) !!!


Répondre à cet article

Forum