COSTITUZIONE (ART. 87) : IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E’ IL CAPO DELLO STATO E RAPPRESENTA L’UNITA’ NAZIONALE..... FORZA ITALIA !!!

NELLE MANI DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA LA BANDIERA E IL NOME DELL’ITALIA. Napolitano scrive a "La Stampa" e risponde all’articolo di Michele Ainis : "Eserciterò con rigore le mie prerogative costituzionali" - a cura di Federico La Sala

samedi 11 octobre 2008.
 

Decreti, vigilerò con rigore

di GIORGIO NAPOLITANO *

Gentile Direttore,

ho vivamente apprezzato il senso delle istituzioni cui era ispirato l’articolo di Michele Ainis (pubblicato su La Stampa di ieri), e la sua preoccupazione per ogni erosione delle prerogative e degli equilibri costituzionali.

In Italia si governa - come in tutte le democrazie parlamentari - con leggi discusse e approvate dalle Camere nei modi e nei tempi previsti dai rispettivi Regolamenti, e solo « in casi straordinari di necessità e di urgenza » con decreti (cioè « provvedimenti provvisori con forza di legge ») che al Parlamento spetta decidere entro sessanta giorni se convertire in legge. Continuerò a esercitare a questo proposito - nessuno ne dubiti - con rigore e trasparenza le prerogative attribuitemi dalla Costituzione.

In quanto alla mancata elezione, da parte del Parlamento, del giudice costituzionale chiamato a sostituire il prof. Vaccarella dimessosi dalla carica nell’aprile 2007, il professor Ainis ricorda di certo come nella storia della Repubblica accadde più di una volta che si ritardasse a lungo nel colmare simili vacatio per l’assenza di un accordo tra maggioranza e opposizione. Ma non accadde mai che la soluzione venisse trovata attraverso la contestuale « contrattazione » della nomina di un giudice costituzionale che debba succedere ad uno dei cinque nominati dal Presidente della Repubblica. Non accadrà neppure questa volta : stia certo il professor Ainis che considero semplicemente ingiuriosa l’ipotesi che il Presidente possa piegarsi ad una simile, impropria e prevaricatoria, contrattazione tra partiti.

* La Stampa, 7/10/2008


Per l’articolo di M. Ainis, cliccare qui, di seguito :

-  ROMA : "DEMOLIZIONE IN CORSO" DEL QUIRINALE. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SI E’ GIA’ TRASFERITO AD ARCORE E GLI ITALIANI NON SE NE SONO ACCORTI.
-  Un’analisi di Michele Ainis

-  Vita e morte di una Costituzione. Una storia Italiana - di Michele Ainis, Laterza
-  Un capitolo di un saggio lucido, polemico, chiaro sulle ragioni della nostra Costituzione, sulla sua distorta applicazione, sui dibattiti antichi e recenti in merito alla riforma

-  L’ITALIA E IL CLIMA AVVELENATO.
-  Se "Il Presidente della Repubblica è il Capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale" (art. 87),
-  l’esistenza di un Partito con il nome "Forza Italia" è una minaccia continua alla Costituzione e un’offesa alla dignità del Capo dello Stato, del Parlamento, e dell’Italia intera !!!

-  LA CRISI ITALIANA, LA STELLA POLARE E GIORGIO NAPOLITANO.
-  L’IMPARZIALITA’ DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E’ BEN AL DI SOPRA DELLA PRESENZA MINACCIOSA DEL PARTITO CHE LO HA ESPROPRIATO DELLA STESSA POSSIBILITA’ DI DIRE ED ESCLAMARE : FORZA ITALIA !!!


-  Il capo dello Stato scrive una lettera alla Stampa : "Solo in casi
-  di straordinaria necessità e urgenza si governa con decreti"

-  Napolitano : "Eserciterò con rigore
-  le mie prerogative costituzionali"

ROMA - "Continuerò ad esercitare con rigore e trasparenza le prerogative attribuitemi dalla Costituzione". Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in una lettera al quotidiano La Stampa, risponde alla preoccupazione per ogni erosione delle prerogative e degli equilibri costituzionali.

"In Italia si governa, come in tutte le democrazie parlamentari con leggi discusse e approvate dalle Camere - scrive Napolitano - nei modi e nei tempi previsti dai rispettivi regolamenti e solo in casi di straordinaria necessità e urgenza con decreti". Su questo punto, il Capo dello Stato ha assicurato che eserciterà con rigore le prerogative attribuitegli dalla Costituzione.

In quanto alla mancata elezione da parte del Parlamento del giudice costituzionale, in sostituzione del dimissionario prof. Vaccarella, il presidente Napolitano ribadisce che non accadrà mai - sebbene la nomina possa ritardare per la mancanza di un accordo tra maggioranza e opposizione - che questa avvenga con una contrattazione tra partiti.

"Non è mai accaduto e non accadrà neppure questa volta - assicura Napolitano - considero semplicemente ingiuriosa l’ipotesi che il Presidente possa piegarsi ad una simile, impropria e prevaricatoria contrattazione tra partiti".

* la Repubblica, 7 ottobre 2008


Répondre à cet article

Forum