Abbazia Florens, 5 gennaio 2010 : dalla Calabria rinasce l’utopia della giustizia

A San Giovanni in Fiore catena umana per l’Abbazia e la Legalità

Rosario Rizzuto di Area Locale riguardo alla manifestazione e alcuni interventi in video
lundi 11 janvier 2010.
 

Una manifestazione organizzata dalla società civile, apartitica, che ha avuto nello scrittore Emiliano Morrone il deus ex machina.

Tante le adesioni ricevute da associazioni di tutta la Calabria ed anche oltre ma non da San Giovanni in Fiore dove tre associazioni, dopo aver dato in un primo tempo l’adesione, si sono ritirate.

Tra gli altri erano presenti gli onorevoli Angela Napoli e Luigi De Magistris mentre i due onorevoli sangiovannesi : Franco Laratta e Gerardo Mario Oliverio, benchè invitati, non si sono visti.

I manifestanti si sono radunati nei pressi dell’Abbazia dove Emiliano Morrone ha spiegato i motivi di questa manifestazione leggendo anche una lettera del fratello di Paolo Borsellino, Salvatore, nella quale veniva anche contestato quanto successo alcuni giorni fa in consiglio comunale dove la maggioranza aveva affermato che : “San Giovanni in Fiore non è la città di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e i gruppi antimafia devono andare altrove”. La frase si commenta da sola e testimonia l’ignoranza di alcuni politici calabresi.

Dopo l’introduzione di Emiliano i presenti si sono dati la mano ed hanno abbracciato simbolicamente l’Abbazia fino a raggiungere la parte dello storico complesso imbracata da circa 3 anni dove ci sono stati alcuni interventi coordinati da Serenetta Monti la cui collaborazione è stata preziosa.

Sono intervenuti : Angela Napoli, Luigi De Magistris, il responsabile del Comitato Civico “Natale De Grazia” di Amantea, Giusy Gallo del Partito Comunista dei Lavoratori, Lilia Infelise, candidata per Italia dei Valori alle prossime elezioni regionali.

I presenti si sono quindi recati in corteo per le vie di San Giovanni in Fiore fino a raggiungere la statua dell’Angelo dove ci sono stati altri interventi tra i quali quello di Chicco Alfano figlio del giornalista Beppe Alfano, ucciso dalla mafia, e che sarà ricordato venerdì 8 gennaio a Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina.

Le conclusioni sono state tratte da Emiliano Morrone che ha chiuso gli interventi di una manifestazione che ha cercato di aprire gli occhi alla popolazione di San Giovanni in Fiore che però in gran parte ha disertato l’appuntamento confermando quanto forti siano le pressioni esercitate da alcuni politici.

Rosario Rizzuto


Il caso fuori delle ristrette mura domestiche

Sul sito di Paolo Borsellino

Sul sito dell’Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia

Su Area Locale

Su Antimafia2000

Sul blog di Damiano Zito

Sul sito di Pino Masciari

Sul sito del Comitato Natale De Grazia

Sul blog Sgfinpiazza

La risposta di Salvatore Borsellino alla maggioranza politica del Comune di San Giovanni in Fiore e la solidarietà per Emiliano Morrone e Francesco Saverio Alessio, dalla lobby politica locale accusati, per le loro denunce, di rovinare l’immagine del territorio

Le foto della manifestazione scattate da Rosario Rizzuto

Su Strill.it

Su Verso Sud


Materiali utili per capire

Nostro dossier sull’intera vicenda

La deliberazione dell’Autorità di vigilanza sui Lavori pubblici : le gravissime irregolarità in municipio

Il decreto di sequestro della Procura, indagati direttori dei lavori e rup, e le mostruose contraddizioni dell’amministrazione comunale su manifesti murali

Richiesta perché al consiglio comunale sull’Abbazia florense - stranamente fissato il 4 gennaio, a ridosso della manifestazione del 5 - sia data parola al pubblico.

La lettera del giornalista antimafia Biagio Simonetta (su Facebook a questo link)

Cari amici,

domani pomeriggio non sarò dei vostri. Non ci sarò materialmente, frenato da impegni redazionali inderogabili. Ma col cuore e con lo stomaco vivrò ogni attimo di questo momento storico al vostro fianco. Fiato nel fiato. L’Abbazia florense, oggi, è quanto di più reale possa offrire San Giovanni in Fiore, 20.000 anime, arroccate sui monti. La patria di Gioacchino da Fiore, la capitale dell’emigrazione, il posto dei sussidi e delle merende, è il centro più violentato dalla politica in Calabria, terra dei Mammasantissima. Dipendente da uno stesso destino elettorale, si subisce in silenzio sottomettendosi alla logica del ricatto. Il potere è di pochi. Di uno soltanto, probabilmente. Appalti e concessioni vengono amministrati come cosa privata, con soldi pubblici. Voti e favori sono faccia della stessa medaglia. Chi sta dall’altra parte è fuori. Per questo mi chiedo e vi chiedo : cos’è la mafia ? Cos’è la legalità ?

L’Abbazia florense non è più come l’aveva pensata Gioacchino da Fiore, sognatore della terza età. Il Monastero in alcuni angoli ospita business privati, senza che nessuno batta ciglio. In altri è vittima di lavori attenzionati dalla Procura della Repubblica di Cosenza. Gli interessi politici lo stanno inghiottendo. Da luogo di culto e di pace lo hanno trasformato in una macchina da soldi. Per pochi.

La vostra presenza a San Giovanni in Fiore, in questo giorno di gennaio, ha il sapore bello della giustizia. Perché poter stare dalla propria parte, oggi, è un’emozione che non ha prezzo. E perché come diceva Paolo Borsellino, “la lotta alla mafia deve essere innanzitutto un movimento culturale, che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà, che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità”.

Biagio Simonetta


Répondre à cet article

Forum