SONNAMBULISMO COSTITUZIONALE E ISTITUZIONALE (1994-2010). CONTRO L’ITALIA, LA GUERRA MENTALE DI "FORZA ITALIA" CONTINUA : VIVA IL (PARTITO DEL) "POPOLO DELLA LIBERTA’" !!!

FINI, BERLUSCONI, IL BARATTO DELLA LEGALITA’, E L’ITALIA (IL POPOLO DELLA LIBERTA’) CHE STA A GUARDARE E GRIDA "FORZA ITALIA" !!! Il commento di Barbara Spinelli al videomessaggio di Fini - a cura di Federico La Sala

« Il pensiero corre ai sensi di colpa per non aver capito prima. Per non aver saputo e voluto alzare la testa ».
dimanche 26 septembre 2010.
 

[...] Difficile in queste condizioni che gli italiani riscoprano la legalità. Quel che scorgono è una lotta tra boss che si minacciano, si ricattano. Le parole di Rossi nell’editoriale di FareFuturo sulla vergogna perdono peso : la testa s’alza o s’abbassa, a seconda. Si vota per le intercettazioni a Cosentino, e intanto si preparano scudi immunitari. Si celebrano i veri eroi Borsellino e Falcone, e non si protesta per l’indegno silenzio del premier sull’assassinio camorristico del sindaco Vassallo a Pollica [...]

-  CRISI COSTITUZIONALE (1994-2010) : L’ITALIA E IL "POPOLO DELLA LIBERTA’’ ?! DUE PRESIDENTI GRIDANO : FORZA ITALIA !!! LA DOMANDA E’ : CHI E’ "PULCINELLA" ?
-  NUOVO GOVERNO. FEDELTA’ ALLA REPUBBLICA E ALLA COSTITUZIONE. Giuramento di Berlusconi, Bossi e tutti gli altri Ministri. In Parlamento un solo partito e un solo urlo : "Forza Italia" !!!

-  "PUBBLICITA’ PROGRESSO" : L’ITALIA E LA FORZA DI UN MARCHIO REGISTRATO !!!

-  L’OCCUPAZIONE DELLA LEGGE E DELLA LINGUA ITALIANA : L’ITALIA E LA VERGOGNA


Il baratto sulla legalità

di BARBARA SPINELLI (La Stampa, 26/9/2010)

È opinione diffusa che legalità e morale pubblica non siano, per gli italiani, imperativi essenziali. In parte perché la loro memoria sarebbe corta oltre che selettiva : i misfatti dei politici evaporano presto, l’esempio che viene dall’alto manca, e di rado le sentenze giudiziarie sfuggono al destino d’esser subito degradate a pareri, opinabili come ogni parere.

Non solo : esponendo la « sua verità », ieri in un video, Fini ha denunciato la confusione tra affari piccoli come la casa di Monaco e affari ben più criminosi, condannando la stampa usata dai politici « come manganello » per liquidare l’avversario.

L’esempio, lui vuole darlo : « Se dovesse emergere che mio cognato è proprietario, non esiterei a lasciare la Presidenza della Camera. Non per personali responsabilità, ma perché la mia etica pubblica me lo imporrebbe ». È il venir meno di tale etica che crea nei cittadini cinico disorientamento.

L’operazione Mani Pulite suscitò grandi speranze, ma anch’essa fu breve e, soprattutto, non aiutò a restaurare la cultura della legalità. Sfociò anzi in un’accentuazione della corruzione.

Al punto che ci furono magistrati, come Gherardo Colombo, che abbandonarono il mestiere e ricominciarono da zero, insegnando ai giovani quel che era stato sradicato dai cervelli : il senso della legge, la Costituzione. Il magistrato che aveva indagato sulla P2 e sull’assassinio di Ambrosoli constatò due cose.
-  Primo : « Tra prescrizioni, leggi modificate, abrogate, si è arrivati a una riabilitazione complessiva dei corrotti ».
-  Secondo : « Lo strumento del processo penale è inadeguato a riaffermare la legalità quando l’illegalità sia particolarmente diffusa e non esistano interventi che in altri campi vadano nella stessa direzione. Diventa una spirale, crea sfiducia e disillusione ».

Le intuizioni che Colombo confidava il 17 marzo 2007 a Luigi Ferrarella, sul Corriere, s’inverano più che mai in questi giorni.

Lo scandalo della casa di Montecarlo sommerge più pesanti misfatti, come la corruzione di magistrati, testimoni, parlamentari, e a nulla servono gli strumenti di giustizia visto che la politica non intende far pulizia da sola in casa propria, senza attendere l’ultimo grado dei processi.

Non si dà per vinta neanche quando le inchieste sono fondate : il 22 settembre una maggioranza di deputati è giunta a usurpare il potere giudiziario, definendo « non decisive ai fini della colpevolezza di Cosentino » le intercettazioni che confermano la sua complicità con i camorristi casalesi.

La stessa rottura dentro la destra tende a farsi opaca, equivoca : sembrava che la legalità fosse il punto dirimente ma forse non era vero, forse non era che parvenza : fame di vento, come nel Qohelet biblico.

Sembrava che Fini avesse puntato il dito sull’anomia che caratterizza l’odierno regime, e invece c’è il rischio che anche quest’intuito (« Il garantismo non può essere impunità », ha detto ieri) sia involucro senza sostanza.

Quando fu cacciato dal Pdl, il 29 luglio, si ebbe l’impressione che qualcosa di nuovo nascesse : una destra la cui bussola è il rispetto della legge, la costituzione, la separazione dei poteri. Sembrò addirittura che Fini fosse più ardito della sinistra, mai entusiasta su questi fronti. Sul periodico online della Fondazione FareFuturo, da lui presieduta, Filippo Rossi parlò perfino di vergogna, il 19 agosto : « Il pensiero corre ai sensi di colpa per non aver capito prima. Per non aver saputo e voluto alzare la testa ».

Da quel giorno sono passate poche settimane, e la vergogna quasi è svanita. Oppure era vergogna, sì, ma di che ? non del conflitto d’interessi per anni accettato, non delle 40 leggi ad personam, non della foga calunniatrice esibita dal finiano Bocchino contro Prodi durante l’affare Telekom-Serbia, non dell’abitudine all’illegalità che ha spinto Berlusconi a disfarsi di Fini. Se la rieducazione alla legalità stesse davvero a cuore alla destra finiana o a Casini, non assisteremmo allo spettacolo singolare che si sta recitando : non una battaglia che restituisce maestà alla legge, ma un negoziato-scambio attorno allo scudo costituzionale che proteggerebbe Berlusconi dalla giustizia : un lodo che comunque infrangerebbe quell’articolo 3 della Costituzione che prescrive la legge eguale per tutti. Il negoziato tra Pdl e la finiana Giulia Bongiorno è completamente surreale. Ciascuno sa che Berlusconi, prima di far politica e dopo, ha ignorato la legge : arricchendosi con soldi non puliti, ospitando il mafioso Mangano a Arcore e chiamandolo eroe, sfuggendo più volte alla giustizia.

Quel che i finiani dicono da settimane è che la battaglia legalitaria cesserebbe, se solo finissero le calunnie contro il Presidente della Camera diffuse da giornali tributari di Palazzo Grazioli (Giornale, Libero). In queste ore le calunnie si sono moltiplicate, con la pubblicazione di un documento pescato nei Caraibi che rivela come la casa di Monaco sia stata acquistata dal cognato di Fini, ed è per questo che i finiani hanno smesso le trattative sullo scudo.

Più che una trattativa è un baratto - io ti do il lodo, tu cessi il linciaggio - ma in politica e nei Tg gli eufemismi abbondano : è tregua sulla giustizia, quella di cui si parla. In realtà il baratto non avrebbe dovuto neppure cominciare. Così accade quando la democrazia funziona, e l’eccezione italiana conferma l’anestesia delle sue classi dirigenti, rese insensibili all’infrazione etica e ai suoi camuffamenti verbali.

Ma in fondo, la minaccia di rompere è ancora più assurda. Perché avviare trattative, se basta un giornale per stroncarle ? Perché interromperle, dando a credere che i metodi di Berlusconi sono una deludentissima sorpresa ? Se tutto è scambiabile, perché perorare la morale (« La legge è eguale per tutti. Non si deroga solo perché si appartiene al ceto politico », ha detto venerdì Fini) ? Perché promettere un sì al governo, mercoledì, se - così ancora Fini - « questo è un momento buio della democrazia » ? Come fidarsi di chi imputò a Prodi i rifiuti napoletani, e oggi che i rifiuti tornano dichiara con Bertolaso : « C’è qualcosa che non mi torna » ?

Può darsi che il divario fra parole e azioni sia prudenza : meglio aspettare l’ora in cui il premier sbaglierà i conti, perderà la maggioranza. Resta il disagio procurato da una verità subordinata alle convenienze. Resta il dubbio che l’obiettivo non sia restaurare il senso della legge, ma proteggere l’uno e/o l’altro contendente.

Difficile in queste condizioni che gli italiani riscoprano la legalità. Quel che scorgono è una lotta tra boss che si minacciano, si ricattano. Le parole di Rossi nell’editoriale di FareFuturo sulla vergogna perdono peso : la testa s’alza o s’abbassa, a seconda. Si vota per le intercettazioni a Cosentino, e intanto si preparano scudi immunitari. Si celebrano i veri eroi Borsellino e Falcone, e non si protesta per l’indegno silenzio del premier sull’assassinio camorristico del sindaco Vassallo a Pollica.

Gli italiani sono meno colpevoli di quanto si creda. Nei sondaggi non vengono mai rivolte giuste domande (per esempio : approvate il politico tutelato se delinque ?). Mal informati, mal interrogati, mal trattati, per forza hanno idee torbide sulla legge.

Oggi non vedono battaglie per una democrazia pulita. Vedono, per tornare alle parole di Colombo, che la « società del ricatto » dilaga. Che « la giustizia è l’unica sede nella quale si pensa che debbano essere accertate le responsabilità. Oggi, chiunque dica al mattino una cosa e la sera il contrario, è irresponsabile di entrambe le dichiarazioni ».

Molti stanno firmando una lettera di Giuseppe D’Avanzo al premier, in cui gli si chiede di rinunciare esemplarmente allo scudo. Non stupisce che i firmatari siano oltre 105.000. Stupisce che non siano di più : vuol dire che sono ancora tanti, i legalitari che si nutrono di vento.


-  "PUBBLICITA’ PROGRESSO" : L’ITALIA E LA FORZA DI UN MARCHIO REGISTRATO !!!

-  L’OCCUPAZIONE DELLA LEGGE E DELLA LINGUA ITALIANA : L’ITALIA E LA VERGOGNA

-  LA CRISI ITALIANA, LA STELLA POLARE, E GIORGIO NAPOLITANO. L’IMPARZIALITA’ DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E’ BEN AL DI SOPRA DELLA PRESENZA MINACCIOSA DEL PARTITO CHE LO HA ESPROPRIATO DELLA STESSA POSSIBILITA’ DI DIRE ED ESCLAMARE : FORZA ITALIA !!!

ALL’ITALIA NEL MONDO. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA OFFESO E RIDOTTO AL SILENZIO. A TUTTI I CITTADINI E A TUTTE LE CITTADINE TOLTA "LA PAROLA" : ITALIA. CHE SCEMPIO !!! IL LENTO E SOTTILE "AVVELENAMENTO DEI POZZI" DELLA DEMOCRAZIA E IL SONNO DI TUTTE LE SUE ISTITUZIONI CULTURALI, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA SCUOLA PUBBLICA !!!

-  CRISI COSTITUZIONALE (1994-2010) : L’ITALIA E IL "POPOLO DELLA LIBERTA’’ ?! DUE PRESIDENTI GRIDANO : FORZA ITALIA !!! LA DOMANDA E’ : CHI E’ "PULCINELLA" ?
-  NUOVO GOVERNO. FEDELTA’ ALLA REPUBBLICA E ALLA COSTITUZIONE. Giuramento di Berlusconi, Bossi e tutti gli altri Ministri. In Parlamento un solo partito e un solo urlo : "Forza Italia" !!!


Répondre à cet article

Forum