EU-ANGELO E COSTITUZIONE . "CHARISSIMI, NOLITE OMNI SPIRITUI CREDERE... DEUS CHARITAS EST" (1 Gv., 4. 1-8). « Et nos credidimus Charitati... » !!!!

LA LIBERTA’ DI ELUANA E IL MONOPOLIO SULLA VITA E SULLA MORTE. Gesù diceva "solo Dio [charitas] è buono", la Cei e il Vaticano pretendono che si debba "comprare" tutto da loro e a "caro-prezzo" ("Deus caritas est, 2006) anche l’acqua, il pane e il vino !!! - a cura di Federico La Sala

mardi 15 juillet 2008.
 
[...] Se c’e’ una certezza nel caso di Eluana Englaro e’ che la famiglia, anzi il papa’-tutore Beppino, ha intenzione di andare sino in fondo con in mano il provvedimento che consente di staccare il sondino della nutrizione alla donna, da 16 anni in stato vegetativo. Lunedi’ la Procura generale di Milano ha fatto sapere che entro la meta’ della settimana prossima decidera’ se impugnare o meno la decisione della Corte d’Appello [...]

Ansa » 2008-07-15 09:47

ELUANA, "NO A FINE VITA ATTRAVERSO UNA SENTENZA"

SYDNEY - "Non possiamo tacere" la nostra "preoccupazione" "se si dovesse procedere a una consumazione di una vita per una sentenza". Lo ha detto il presidente dei vescovi italiani Angelo Bagnasco interpellato sul caso Eluana durante una conferenza stampa a Sydney nell’ambito della Giornata mondiale della gioventù".

"Da una parte - ha osservato il cardinale Bagnasco rispondendo a una domanda sul caso di Eluana - sono doverosi sentimenti di partecipazione al dolore, di rispetto per una situazione di grandissima sofferenza". "Ma - ha aggiunto - non possiamo tacere che si tratta di un momento delicato, difficile, drammatico : se si dovesse procedere a una consumazione di una vita per sentenza". "Togliere idratazione e nutrimento nel caso specifico è come togliere da mangiare e da bere a una persona che ne ha bisogno, come ne ha bisogno ognuno di noi". Si tratta dunque, ha concluso di un "momento di forte preoccupazione, che deve far preoccupare e riflettere seriamente tutti noi e tutte le persone di buona volonta".

ELUANA, CHIESTO RICOVERO A HOSPICE DI AIRUNO

MILANO - Se c’e’ una certezza nel caso di Eluana Englaro e’ che la famiglia, anzi il papa’-tutore Beppino, ha intenzione di andare sino in fondo con in mano il provvedimento che consente di staccare il sondino della nutrizione alla donna, da 16 anni in stato vegetativo. Lunedi’ la Procura generale di Milano ha fatto sapere che entro la meta’ della settimana prossima decidera’ se impugnare o meno la decisione della Corte d’Appello.

In una nota Gianfranco Montera, procuratore generale facente funzione, ha sottolineato il bisogno di ’’un adeguato approfondimento delle complesse problematiche giuridiche’’ nella convinzione che ’’da parte di tutti i protagonisti di cosi’ dolorosa e problematica vicenda ci si ispiri alla massima cautela e ponderazione’’. Queste osservazioni, pero’, non sembrano preoccupare la famiglia. Il legale Vittorio Angiolini ha liquidato la nota dicendo che ’e’ un atto che non ha alcun effetto giuridico e non cambia nulla’’. Anzi ha aggiunto di ’’non capire cosa potrebbero scrivere nel ricorso’’ visto che la vicenda di Eluana ’’e’ passata per otto gradi di giudizio tra cui ben due volte in Cassazione e che quest’ultima lo scorso ottobre ha tracciato in maniera vincolante la strada’’.

Lunedi’ sera nel suo studio c’e’ stato un incontro, a cui hanno partecipato il papa’ di Eluana, Beppino Englaro, il medico Carlo Alberto Defanti e la curatrice speciale Franca Alessio, per definire le ultime decisioni. ’’Sui modi e sui tempi preferiamo non dire nulla - ha spiegato l’avv.Alessio in seguito - mentre confermiamo che si procede’’. Ed e’ ormai questione a breve.

L’hospice Il Nespolo di Airuno, in provincia di Lecco, che il papa’ di Eluana ha visitato due giorni fa, ha confermato la disponibilita’ ad ospitare i suoi ultimi giorni, una volta che le e’ stato staccato il sondino. Anzi, in un comunicato, ha detto di aver ricevuto da Beppino Englaro la richiesta di ricovero per Eluana e di aver deciso di accoglierla, a condizione che le sia tolto prima dell’arrivo il sondino nasogastrico con cui viene nutrita, che in tal modo diventi una ’morente’. E il professor Carlo Alberto Defanti, ex primario di neurologia al Niguarda, ha confermato la disponibilita’ a togliere il sondino alla donna. Lunedi’ Defanti e’ andato alla casa di cura Talamoni di Lecco e ha visitato Eluana per accertare il suo stato neurologico. Si tratta, infatti, di una ’’cosa necessaria - ha spiegato Beppino Englaro - per procedere al meglio dal punto di vista clinico’’. ’’Poi - ha aggiunto - la decisione spetta a me’’.

Intanto la vicenda di Eluana continua ad essere al centro dell’attenzione. Ieri in 1.100 parrocchie ambrosiane si e’ pregato per lei. Nel numero di questa settimana di Famiglia Cristiana, il direttore don Antonio Sciortino, definisce ’’un via libera all’eutanasia’’ la decisione della Corte. Lunedi’ sera erano una sessantina le bottiglie d’acqua (alcune corredate da messaggi) posate sul sagrato del Duomo, come aveva chiesto di fare Giuliano Ferrara come protesta per la fine della nutrizione e dell’idratazione alla donna.


SUL TEMA, NEL SITO, SI CFR. :

-  "Deus caritas est" : il "dio" di una cHiesa senza "acca" (cHaritas") !!!
-  LASCIATEMI ANDARE. ANCHE QUESTO E’ AMORE !!! PIERGIORGIO WELBY E’ MORTO, IERI SERA (20 dic.). A Roma oggi, 24 dicembre, i funerali laici.
-  A SUA ETERNA VERGOGNA, LA CHIESA CATTOLICA HA RIFIUTATO IL RITO RELIGIOSO !!!

-  INDIETRO NON SI TORNA. In memoria di Papa Luciani - il Papa del Sorriso, il Sorriso di Dio....
-  UN CODICE ETICO PER LA TEOLOGIA. DA LUCIANO DI SAMOSATA UNA ULTERIORE SOLLECITAZIONE A PAPA BENEDETTO XVI, A RETTIFICARE I NOMI

-  Camillo Ruini e Aldo Schiavone dialogano sull’"Avvenire" del-"la Repubblica" e si trovano d’accordo sul "caro-prezzo" ("deus caritas est") da far pagare all’Italia, con l’aiuto dell’Unto del Signore

-  ADAMO ED EVA, MARIA E GIUSEPPE UGUALI DAVANTI A DIO : L’ALLEANZA DI FUOCO. SI’ ALLE DONNE VESCOVO : LA CHIESA ANGLICANA SORPASSA LA CHIESA "CATTOLICA".
-  Il cattolicismo "andropologico" romano è finito

-  Gesù "Cristo, che non era schizofrenico", non si travestiva da imperatore e pontefice romano e non predicava il van-gelo del Dio-Mammona ("Deus caritas est", 2006).
-  La lezione di Massimo il Confessore illumina ancora il nostro presente storico.


Répondre à cet article

Forum