La Costituzione è la nostra "Bibbia civile" !!!

L’ INACCETTABILE INGERENZA DEL VATICANO E IL "NON POSSUMUS" DELL’ITALIA !!! UN COMMENTO DI GUSTAVO ZAGREBELSKY - a cura del prof. Federico La Sala

GESU’ !!! "JE SUiS ... CHRETIEN" !!! Non ... "CRETIN" !!!
samedi 10 février 2007.
 

[...] che triste delusione, per chi crede in Gesù il Cristo o, semplicemente, ritiene che il messaggio cristiano sia comunque un fermento spirituale prezioso da preservare, il vedere la Chiesa di Cristo ridotta al tavolo d’una partita, tentata di usare la discordia politica tra i cittadini e i suoi rappresentanti, come se fosse arma lecita delle sue battaglie [...]


Il "non possumus" dello Stato

di Gustavo Zagrebelsky (la Repubblica/Diario, 09.02.2007)

L’EDITORIALE di Avvenire di martedì scorso ha il tono di una "nota diplomatica", contenente un memorandum e un ultimatum, il tono cioè di atti di natura ufficiale, nei rapporti tra Stato e Stato e, come tale, deve essere valutato parola per parola, tanto più in quanto la diplomazia vaticana è di solito maestra di cautela e sottigliezze.

L’oggetto è la legge prossima ventura ( ?) sui diritti e i doveri delle coppie di fatto, una legge che, secondo il quotidiano dei vescovi italiani, realizzerebbe, « sia pure in forma insolita e indiretta, un modello alternativo e spurio di famiglia » che indebolirebbe e mortificherebbe l’istituto coniugale e familiare « nella sua unità irripetibile », un effetto « sgradevole » ( !) che sarebbe dimostrato « in modo incontrovertibile » dall’esperienza di altri Paesi. Ciò andrebbe contro il favor per la famiglia fondata sul matrimonio, riconosciuto dalla Costituzione repubblicana, e contro una tradizione culturale e giuridica bimillenaria. Fin qui la critica, discutibile e discussa come tutte le opinioni, ma certo perfettamente legittima. A questo memorandum, segue l’ ultimatum.

« Per questi motivi - si legge - se il testo che in queste ore circola come indiscrezione fosse sostanzialmente confermato, noi per lealtà dobbiamo fin d’ora dire il nostro non possumus. Che non è in alcun modo un gesto di arroganza, piuttosto è consapevolezza di ciò che dobbiamo - per servizio di amore - al nostro Paese » e « indicazione franca e disarmata di uno spartiacque che inevitabilmente peserà sul futuro della politica italiana ». Lasciamo da parte la retorica : ci mancherebbe altro che si rivendicasse il diritto a un gesto d’arroganza o a un atto di disprezzo verso "il nostro Paese". Vediamo invece le tre espressioni-chiave, quelle sopra indicate in corsivo.

Nella sua storia, la Chiesa ha pronunciato diversi non possumus, nei confronti delle pretese delle autorità politiche. Il che è del tutto naturale (anzi, forse ne ha pronunciati non pochi di meno di quanti ci si sarebbe potuto attendere in nome del Vangelo).

Si incomincia con Pietro e Paolo (Atti 4, 20) che, diffidati dal Sinedrio di non parlare né insegnare in nome di Gesù, risposero : « Non possumus non parlare di ciò che vedemmo e udimmo ». Si dice poi che nel nonpossumus si siano trincerati Clemente VII, il papa che negò il divorzio di Enrico VIII da Caterina d’Aragona ; Pio IX che si oppose al ritorno a casa di un bimbo ebreo, nel famoso e crudele "caso Mortara" ; ancora Pio IX che rifiutò di partecipare alla coalizione anti-austriaca al tempo del Risorgimento e non accolse l’ipotesi di un’occupazione pacifica di Roma da parte dei piemontesi ; il cardinale Antonelli, che escluse il riconoscimento papale di Roma capitale d’Italia. Tutto questo è chiaro e riguarda comportamenti, comunque li si voglia valutare storicamente, che rientrano nei loro compiti e nelle responsabilità degli uomini di Chiesa. Ma che cos’è che "non possono" i vescovi italiani, nella circostanza odierna ? La risposta la danno loro stessi. Non si tratta solo del diritto al dissenso circa una legge dello Stato, diritto che nessuno contesta. Si tratta di una cosa molto diversa : non possono non prospettare uno spartiacque, che inevitabilmente peserà sul futuro della politica italiana.

Bisogna meditare su questa affermazione. Non è una "indicazione" che riguarda i rapporti tra la Chiesa e lo Stato italiano. Se così fosse, si tratterebbe di una questione, per così dire, di politica estera, tra due soggetti sovrani, che pur si riconoscono come tali. Si sarebbe potuto discutere se ciò costituisse una corretta concezione degli "ambiti" rispettivi che l’art. 7 della Costituzione riconosce a ciascuno di loro (« Lo Stato e la Chiesa sono, ciascuno nel proprio ambito... »). Poiché, in materia concordataria, manca per definizione, un terzo super partes, in caso di conflitto ognuno dei due soggetti finisce per essere arbitro dell’ampiezza della propria sfera d’azione. La discussione, su questo punto, sarebbe senza costrutto.

Ma qui la "indicazione" dei vescovi è del tutto diversa : la Chiesa, attraverso un suo organo ufficiale - non un gruppo di cittadini o deputati cattolici, nella loro autonomia, ciò che farebbe una differenza essenziale - parla del futuro della politica italiana, parla cioè della vita interna dello Stato e delle « inevitabili conseguenze » su di essa. Così, viene, altrettanto inevitabilmente, messo in discussione l’altro caposaldo dell’art. 7, quel riconoscimento di reciproca « indipendenza e sovranità » dello Stato e della Chiesa, da cui discende l’esclusione di ogni ingerenza interna reciproca, esclusione che è conditio sine qua non del regime concordatario. Direi che mai, come in questo caso, nella storia recente, i basamenti del concordato hanno traballato. Non ci si è resi conto dell’implicazione ? Se si vuole il concordato, occorre rispettare e difendere le condizioni materiali che lo rendono possibile.

Spesso, per comprendere i caratteri di una situazione, non c’è nulla di meglio che provare a rovesciarne i termini. Allora, che cosa si direbbe se fosse lo Stato che, per assurdo, dicesse : se la Chiesa non assume un tale o un talaltro atteggiamento, ciò rappresenterà uno spartiacque e peserà sul futuro (non dei rapporti reciproci, ma addirittura) dei rapporti interni alla Chiesa, tra le sue diverse componenti, facendo eventualmente intravedere interventi per favorire o contrastare questa o quella posizione che fedeli o sacerdoti potessero prendere, a seconda del gradimento riscosso.

Si dirà : ma qui l’ Avvenire si limita a una semplice, innocente "indicazione" preventiva. Già, ma viene data per lealtà. Che significa questa apparentemente innocua aggiunta ? Non altro, mi pare, che un avvertimento : non ci si venga poi a lamentare che non ve l’avevamo detto ; state in guardia per quel potrà accadere. La lealtà dell’annuncio significa preannuncio di conseguenze perturbatrici del quadro parlamentare, in definitiva della libertà di esercizio del mandato parlamentare e della libera dialettica democratica. Ci sono questioni sulle quali anche da parte dello Stato democratico dovrebbero essere detti dei non possumus. Ci sono principi irrinunciabili di laicità e democraticità delle istituzioni che sono non negoziabili. Ci sono casi su cui sarebbe bene che i soggetti che le rappresentano facessero sentire una voce rassicurante per tutti, pacata e ferma. Questo è uno di quelli. Con ogni garbo, naturalmente, e con tutta la diplomazia necessaria, ma questo è uno di quelli.

Ieri abbiamo appreso di una reazione di eletti dal popolo, ascrivibili alla schiera dei cattolici democratici, di cattolici adulti che, senza disconoscere la loro appartenenza alla Chiesa e il loro attaccamento ai principi spirituali cristiani, ristabiliscono le distinzioni, rivendicano la loro autonomia nell’esercizio delle loro funzioni costituzionali e respingono richiami all’ordine fin nel dettaglio di scelte legislative, in definitiva lesivi delle responsabilità dei cristiani nelle cose temporali. Finalmente. Anche per loro, la partita in corso è decisiva ed è precisamente quella che riguarda la difesa della loro dignità di soggetti, non di oggetti, come si dice, in re : quella dignità che il Concilio Vaticano II ha riconosciuto loro.

Si è detto che, nella vicenda in corso, la Chiesa italiana, attraverso la Conferenza episcopale, gioca il tutto per tutto, in una partita dall’esito incerto. Noi non sappiamo se la presa di posizione dell’Avvenire sarà eventualmente seguita da atti conseguenti. Può essere sì o no. Gli esperti di cose vaticane sono concordi nel riconoscere agli uomini della Cei capacità tattiche, se non strategiche. Può darsi che la prudenza induca a ripensamenti, a lasciare che le cose si stemperino nel tempo. Ma che triste delusione, per chi crede in Gesù il Cristo o, semplicemente, ritiene che il messaggio cristiano sia comunque un fermento spirituale prezioso da preservare, il vedere la Chiesa di Cristo ridotta al tavolo d’una partita, tentata di usare la discordia politica tra i cittadini e i suoi rappresentanti, come se fosse arma lecita delle sue battaglie.



Sul tema. nel sito, cfr. :

-  IL SOGNO DI UNA "COSA" DI BENEDETTO XVI : UNA CHIESA "PER MOLTI", NON "PER TUTTI".

-  DEMOCRAZIA, MONARCHIA "EDIPICA", E RISPETTO PER LA REPUBBLICA ITALIANA !!! Il Papa è un personaggio molto autorevole, ma è il Capo di un altro Stato - e non democratico !!!

-  "Deus caritas est" : la verità recintata !!! Caro BENEDETTO XVI ... Messa in latino ? Ma quale latino ?! Faccia come insegna CONFUCIO : provveda a RETTIFICARE I NOMI. Segua FRANCESCO !!! E ri-mediti sulla ’sollecitazione’(Un "Goj") di Luigi Pirandello ... a Benedetto XV.

-  LA QUESTIONE MORALE, QUELLA VERA - EPOCALE. AL GOVERNO DELLA CHIESA UN PAPA CHE PREDICA CHE GESU’ E’ IL FIGLIO DEL DIO "MAMMONA" ("Deus caritas est") E AL GOVERNO DELL’ **ITALIA** UN PRESIDENTE DI UN PARTITO (che si camuffa da "Presidente della Repubblica") e canta "Forza Italia", con il suo "Popolo della libertà" (1994-2010).


Répondre à cet article

Forum