EUROPA, COSTITUZIONE, E MESSAGGIO EVANGELICO. LA ’CROCE’ (lettera alfabeto greco = X) DI CRISTO NON HA NIENTE A CHE FARE CON IL CROCIFISSO DELLA TRADIZIONE COSTANTINIANA E CATTOLICO-ROMANA

STRASBURGO : PER LA CORTE EUROPEA, IL CROCIFISSO E’ "UN SIMBOLO ESSENZIALMENTE PASSIVO". Un grande ’schiaffo’ : valutato, alla luce della teologia politica degli affari, dalla Santa Sede una sentenza storica, e dal Ministro Gelmini una grande vittoria. Sul tema, una piccola rassegna stampa - a cura di Federico La Sala

Il crocefisso può restare appeso nelle aule delle scuole pubbliche italiane. Questo è quanto ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’uomo (...)
mardi 22 mars 2011.
 


Strasburgo dice sì al crocifisso *

Strasburgo - L’obbligo di presenza del crocifisso nelle aule scolastiche « non può essere ritenuto indottrinamento da parte dello Stato ». Questa la principale motivazione con cui la Corte per i diritti dell’uomo di Strasburgo ha ribaltato la sentenza di primo grado e assolto l’Italia dall’accusa di violazione del diritto dei genitori a educare i figli secondo coscienza.

La Corte, nella sentenza, sottolinea inoltre che il crocefisso « è un simbolo essenzialmente passivo » e la sua influenza sugli alunni non può essere paragonata all’attività didattica degli insegnanti. Per i giudici di Strasburgo « gli effetti della grande visibilità che la presenza del crocefisso attribuisce al cristianesimo nell’ambiente scolastico debbono essere ridimensionati tenendo conto che a questa non è associata un insegnamento obbligatorio del cristianesimo ».

La delusione della famiglia Albertin

« Il pronunciamento di Strasburgo mi delude, molto, perché la prima sentenza su questa vicenda era clamorosamente chiara ». Così Massimo Albertin, il medico di Abano Terme che otto anni fa aveva iniziato con la moglie finlandese, Solile Lautsi, una battaglia legale contro il crocefisso nella scuola frequentata dai figli, commenta la sentenza con cui la Corte per i diritti dell’uomo ha assolto l’Italia dall’accusa di violazione del diritto dei genitori a educare i figli secondo coscienza.

Albertin vuole però leggere prima la sentenza della Camera Grande della Corte di Strasburgoper capirne bene le motivazioni. « Pare - dice il medico padovano - che sia tutto legato al `margine di apprezzamento’ sull’applicazione dei diritti umani, per cui la Corte può decidere su determinate materie di lasciare più margine ai singoli Stati ». « Ma se ci sono dei diritti da far rispettare - prosegue - non si capisce perché questi in Italia possano essere diversi da quello che sono in Francia o in altri Paesi dell’Unione ».

* Il Secolo XIX, 18 marzo 2011


Crocifisso a scuola, assolta l’Italia

-   Il verdetto della Corte europea :
-  "Non si violano i diritti umani".
-  La Gelmini : una grande vittoria *

STRASBURGO Il crocefisso può restare appeso nelle aule delle scuole pubbliche italiane. Questo è quanto ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’uomo, che con una sentenza definitiva della Grande Camera, votata da 15 giudici su 17, ha dichiarato che la presenza in classe di questo simbolo non lede nè il diritto dei genitori a educare i figli secondo le proprie convinzioni, nè il diritto degli alunni alla libertà di pensiero, di coscienza o di religione.

Per il governo italiano e il fronte pro-crocefisso è una vittoria a tutto campo. Nel motivare la sua decisione la Corte afferma come il margine di manovra dello Stato in questioni che attengono alla religione e al mantenimento delle tradizioni sia molto ampio. Ma i quindici giudici che hanno votato a favore della piena assoluzione delle autorità italiane sono andati oltre. Nella sentenza si legge infatti come la Corte non abbia trovato prove che la presenza di un simbolo religioso in una classe scolastica possa influenzare gli alunni. E come nonostante la presenza del crocefisso (definito simbolo passivo) conferisca alla religione maggioritaria una visibilità preponderante nell’ambiente scolastico, questo non sia sufficiente a indicare che sia in atto un processo di indottrinamento.

Si sottolinea infatti che nel giudicare gli effetti della maggiore visibilità data al cristianesimo nelle scuole si deve tener conto che nel curriculum didattico non esiste un corso obbligatorio di religione cristiana e che l’ambiente scolastico italiano è aperto ad altre religioni.

Nessun commento dall’avvocato Nicolò Paoletti, difensore di Soile Lautsi, la cittadina italiana di origini finlandesi che aveva presentato ricorso alla Corte. Dichiarazioni euforiche, invece, di coloro che hanno strenuamente difeso l’importanza della presenza del crocifisso nelle scuole italiane. « È una pagina di speranza per tutta l’Europa », ha commentato monsignor Aldo Giordano appena il presidente della Corte di Strasburgo, Jean Paul Costa, è uscito dall’aula dopo la lettura della sentenza.

Il rappresentante della Santa Sede presso il Consiglio d’Europa ha quindi sottolineato come la Corte abbia preso una posizione coraggiosa e abbia tenuto conto delle preoccupazioni che in questo momento gli europei esprimono nei riguardi delle loro tradizioni, dei loro valori e della loro identità.
-  Gli ha fatto eco il vice ministro della giustizia russo, Georgy Matyushkin, che è intervenuto davanti alla Grande Camera in favore dell’Italia ed è volato appositamente da Mosca per assistere alla lettura della sentenza. Il minisro russo si è detto « molto soddisfatto per l’approccio della Corte ».
-  Ma anche il direttore dello European Centre for Law and Justice, Gregor Puppinck, ha definito la sentenza « un colpo che mette un freno alle tendenze laiciste della Corte di Strasburgo e che costituisce un cambiamento di paradigma ». Lo European Centre for Law and Justice era una delle organizzazioni no profit che si erano costituite parte terza a favore dell’Italia nel procedimento.

Alla lettura della sentenza, che è avvenuta in un’aula piena di studenti e funzionari del Consiglio d’Europa, erano presenti anche l’ambasciatore italiano Sergio Busetto, oltre agli ambasciatori cipriota e greco e ai rappresentanti della diplomazia armena, lituana, e di San Marino. Tutti Paesi che assieme a Bulgaria, Romania, Malta e Principato di Monaco erano intervenuti a favore dell’Italia. La sentenza emessa oggi mette la parola fine al ricorso « Lautsi contro Italia ».

Un fascicolo che fu aperto dalla Corte nel 2006 e che nel 2009, con una sentenza in primo grado a favore delle tesi della ricorrente, suscitò una vera alzata di scudi contro la Corte. L’indignazione fu tale che il governo italiano ricorse immediatamente, chiedendo e ottenendo la revisione del caso da parte della Grande Camera. In questo suo appello, andato a buon fine, l’Italia ha potuto contare non solo sui dieci Paesi che « ufficialmente » si sono presentati come parti terze davanti alla Corte, ma anche sul contributo di diverse ong, di parlamentari italiani ed europei e del lavoro diplomatico condotto dal rappresentante della Santa Sede.

« Esprimo profonda soddisfazione per la sentenza della Corte di Strasburgo, un pronunciamento nel quale si riconosce la gran parte del popolo italiano. Si tratta di una grande vittoria per la difesa di un simbolo irrinunciabile della storia e dell’identità culturale del nostro Paese », ha dichiara il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini. « Il Crocifisso sintetizza i valori del Cristianesimo, i principi sui cui poggia la cultura europea e la stessa civiltà occidentale : il rispetto della dignità della persona umana e della sua libertà. È un simbolo dunque che non divide ma unisce e la sua presenza, anche nelle aule scolastiche, non rappresenta una minaccia nè alla laicità dello Stato, nè alla libertà religiosa. Oggi è un giorno importante per l’Europa e le sue istituzioni che finalmente, grazie a questa sentenza, si riavvicinano alle idee e alla sensibilità più profonda dei cittadini », ha consluso il ministro.

* La Stampa, 18/03/2011


-  STRASBURGO

-  Crocifisso, Italia assolta
-  Santa Sede : sentenza storica
*

L’Italia ha vinto la sua battaglia a Strasburgo : la Grande Camera della Corte europea per i diritti dell’uomo l’ha assolta dall’accusa di violazione dei diritti umani per l’esposizione del crocefisso nelle aule scolastiche. La decisione della Corte è stata approvata con 15 voti favorevoli e due contrari. I giudici hanno accettato la tesi in base alla quale non sussistono elementi che provino l’eventuale influenza sugli alunni dell’esposizione del crocefisso nella aule scolastiche.

La Santa Sede esprime "soddisfazione" per la sentenza della Corte Europea sulla esposizione del crocifisso nelle scuole. Si tratta, afferma il direttore della sala stampa vaticana padre Federico Lombardi in una dichiarazione scritta, di una sentenza "assai impegnativa e che fa storia".

La sentenza costituisce un punto di riferimento imprescindibile sulla questione della presenza dei simboli religiosi negli spazi pubblici in tutta Europa. Con la sentenza la Corte ha scritto la parola fine sul dossier del caso "Lautsi contro Italia". Un procedimento approdato a Strasburgo il 27 luglio del 2006, quando l’avvocato Nicolò Paoletti presentò il ricorso con cui Soile Lautsi sosteneva che la presenza del crocifisso nelle aule delle scuole pubbliche italiane costituiva una violazione del diritto dei genitori a educare i figli secondo coscienza e senza interferenze da parte dello Stato, nonché una violazione della libertà di pensiero, coscienza e religione degli alunni. La prima sentenza della Corte ha dato sostanzialmente ragione alla signora Lautsi, scatenando un’ondata d’indignazione che ha preso anche la forma di decine e decine di lettere di protesta inviate a Strasburgo da semplici cittadini. « Ne abbiamo ricevute quasi duecento », ha riferito una fonte che ha chiesto di non essere citata.

Alcune contengono critiche alla sentenza, altre minacce ai giudici, altre ancora semplici farneticazioni. « Ma se nei primi mesi l’invio era, per così dire, fatto su base spontanea, da qualche mese c’è chi ha provveduto a organizzarlo », ha aggiunto la stessa fonte mostrando una lettera indirizzata al presidente della Corte in cui si denuncia « la profonda offesa arrecata dalla Corte » ai cattolici. Una sentenza contro la quale il governo italiano ha subito fatto ricorso, trovando tra l’altro il sostegno di altri dieci Paesi membri del Consiglio d’Europa (Armenia, Bulgaria, Cipro, Grecia, Lituania, Malta, Principato di Monaco, Romania, Russia e San Marino) esplicitato il 30 giugno scorso in occasione della prima e unica udienza pubblica svoltasi nell’ambito del "processo" d’appello.

* Avvenire, 18 marzo 2011


-  Crocifisso : soddisfazione Santa Sede
-  Frattini, ha vinto sentimento popolare Europa.
-  Tosti, grottesco
*

-  (ANSA) - ROMA, 18 MAR - La Santa Sede esprime ’soddisfazione’ per la sentenza della Corte Europea sull’esposizione del crocifisso nelle scuole. Si tratta, afferma il direttore della sala stampa vaticana, di una sentenza ’assai impegnativa e che fa storia’. Il ministro degli Esteri Franco Frattini ha detto : ’oggi ha vinto il sentimento popolare dell’Europa’. Ma il giudice ’anticrocifisso’ Luigi Tosti ha commentato : questa decisione ’mi sembra abbastanza grottesca. Ci sono state pressioni fortissime sulla Corte’.

* Ansa, 18 marzo 2011, 18:48


Répondre à cet article

Forum