Memoria dell’"Alleanza di fuoco"

A QUANDO L’AFRICA ? Joseph Ki-Zerbo (Toma, Alto Volta, 1922 - Ouagadougou, Burkina Faso, 2006). Il più grande storico dell’"Africa nera" nel ricordo di Eugenio Melandri - a cura di pfls

« La coscienza è la responsabilità. È la guida che governa il focolare incandescente dello spirito umano ».
samedi 31 mars 2007.
 

Wikipedia


EUGENIO MELANDRI RICORDA JOSEPH KI-ZERBO *

L’ultimo ricordo che ho di lui mi riporta nella sua casa a Ouagadougou (Burkina Faso), nel novembre 2005. Tre giorni passati ad ascoltarlo. A cercare di cogliere dalla sua voce, ormai tanto flebile da dover essere amplificata, quel distillato di saggezza che sempre rappresentavano le sue parole e le sue lezioni. Joseph Ki-Zerbo, morto lo scorso 4 dicembre a 84 anni, non e’ stato soltanto il piu’ grande storico africano. Lo studioso burkinabe’ potrebbe essere ricordato per sempre come colui che ha ridato la storia all’Africa. Era soprattutto un uomo saggio, che dagli studi e dai libri, ma anche dalle esperienze, aveva colto l’essenziale, cio’ che veramente conta.

Si incontrava, quando si stava con lui, innanzitutto l’uomo. Figlio della sua terra. Ricordava spesso suo padre. Primo cristiano e primo catechista del Burkina Faso. Morto a oltre cent’anni, il giorno stesso in cui per la prima volta un papa, Giovanni Paolo II, poneva i piedi nel suo paese. Quasi a significare la conclusione naturale di una vita, che si identificava con la presenza stessa del cristianesimo in questo paese dell’Africa occidentale.

"Siete partiti da casa vostra e siete arrivati a casa vostra". Ci accolse cosi’ a casa sua in quel caldo pomeriggio di Ouagadougou. Quell’anno non aveva potuto, per via della salute, venire al convegno dell’associazione Chiama l’Africa ad Ancona. "Se pero’ venite da me, saro’ lieto di passare qualche giornata con voi".

Era cominciato cosi’ quel viaggio, e furono tre giorni intensi di lezione e di ascolto, parola per parola. Sulla sua Africa. Per la quale si era speso, anche politicamente, prima e dopo la decolonizzazione. Gli anni ’60 lo avevano visto impegnato, con altri intellettuali africani e con alcuni politici piu’ lungimiranti, a lavorare per costruire l’unita’ del continente africano. Un suo pallino che mai gli si togliera’ dalla testa.

Soltanto unita l’Africa avrebbe potuto parlare al mondo, diventare interlocutrice degli altri continenti, ci disse in un seminario nel 1999 : "In Africa il progetto di regionalizzazione e’ in corso, anche se molto lento, anche perche’ ogni leader africano vorrebbe rimanere il padrone indiscusso. I leader africani sono molto legati alla formula della sovranita’ nazionale. Sanno che di fatto non esiste alcuna sovranita’ nazionale, ma amano illudersi. Come e’ possibile parlare di sovranita’ nazionale laddove la gente muore di fame, non dispone di acqua potabile, laddove i responsabili politici sono alla merce’ delle multinazionali, sempre pronti a cambiare idea a seconda delle bustarelle ?". Aveva anche fondato un partito politico e per molti anni era stato deputato.

Ma l’Africa - quante volte glielo abbiamo sentito dire - aveva bisogno di una ventata di democrazia. Dopo ogni elezione in Burkina era solito dire : "Normalmente, nelle democrazie, chi governa ha sempre delle difficolta’ alle elezioni. Perche’ la gente si aspetta sempre qualcosa di piu’. Solo in Africa chi governa, una volta che e’ al potere, ad ogni elezione ha sempre percentuali piu’ grandi. Significa proprio che qualcosa non funziona". Disincantato, quindi, ma nello stesso tempo impegnato. E’ rimasto sulla breccia politica fino a pochi mesi prima della sua morte.

Centralita’ della parola

Ma Joseph Ki-Zerbo e’ stato soprattutto un grande storico. Il piu’ grande storico che l’Africa abbia mai avuto. Di piu’, colui che ha dato una storia all’Africa. Perche’ per la prima volta ha messo in dubbio quell’assunto razzista, tipico degli storici occidentali, secondo cui la storia comincia con la scrittura. Condannando in questo modo i popoli che non hanno tradizione scritta a non avere una storia. "Ritengo che la tradizione orale africana sia una fonte storica valida, credibile e che, come tale, vada difesa. Soprattutto considerando che nella maggior parte dei paesi africani una buona parte della popolazione non sa leggere ne’ scrivere. Ma di piu’ : l’oralita’ e’ legata anche a una certa concezione della parola, soprattutto del nome. L’africano riconosce alla parola in genere un impatto ontologico".

E, facendone la storia, ha cercato di capire in profondita’ il perche’ degli accadimenti. Soprattutto per richiamare ciascuno, gli europei innanzitutto, alle proprie responsabilita’. "Fino al XVI secolo, l’Africa poteva validamente paragonarsi agli altri continenti. Poi e’ intervenuta una frattura che si e’ andata progressivamente allargando. La progressiva immissione di strutture politiche ed economiche provenienti dall’esterno ha finito per paralizzare le forze vive e le energie vitali del continente africano". Una frattura che per il continente africano ha significato prima la tratta degli schiavi, poi l’epopea coloniale.

E pensare che l’Africa aveva iniziato prima di tutti gli altri continenti il movimento storico vitale. E’ in Africa che nasce l’homo erectus ed e’ dall’Africa che l’Europa ha ricevuto tante cose : "L’Europa e’ arrivata alla fine e ha potuto beneficiare di tutto quanto l’Africa e l’homo erectus hanno offerto in materia di strumenti e invenzioni. Il fuoco, la parola, la scrittura e molte altre cose sono state offerte all’Europa dagli altri continenti, o perlomeno dall’Africa, su un piatto d’argento".

Ma la storia del continente africano che, prima dell’arrivo degli europei, aveva avuto momenti di grande splendore (sono molto belle le pagine in cui nel suo testo Storia dell’Africa nera, descrive i regni del Mali, del Ghana e di Gao), si scontra con lo schiavismo e la tratta dei neri. Una tratta che trova la sua ragione in un altro genocidio, quello degli indigeni del Nuovo Mondo. L’Africa non ha probabilmente ancora finito di pagare il prezzo della tratta, che ha spopolato e dissanguato il continente. Ma soprattutto la tratta "ha riguardato la parte piu’ vitale, dinamica e inventiva della popolazione. E’ stata una sorta di megaemorragia della popolazione africana che ha dissanguato il continente, lo ha menomato definitivamente fino ai nostri giorni".

Poi e’ arrivata la colonizzazione, che "e’ servita a porre fine alla tratta, ma non ha cambiato la situazione. Gli africani hanno continuato a essere dominati e si e’ arrivati fino a efferati genocidi". Ki-Zerbo ha fatto parte di una commissione dell’Unione africana che si e’ occupata della riparazione dei torti fatti all’Africa negli ultimi quattro secoli. Al riguardo diceva : "Non si tratta di far luce sui danni materiali, ma piuttosto sul grave torto fatto all’Africa con la sistematica violazione dei diritti umani della persona del nero africano. Egli e’ stato trattato in modo tale che in lui e’ stata calpestata, umiliata, sradicata la specie umana. Come si e’ riconosciuto il genocidio e l’Olocausto degli ebrei, cosi’ si deve riconoscere il genocidio e l’Olocausto del popolo africano. La tratta e la colonizzazione hanno lasciato tracce fin nel subconscio dell’uomo africano. Mancanza di fiducia in se stesso, mancanza di rispetto per se stesso. L’immagine che un uomo ha di se’ e’ un elemento essenziale per il suo sviluppo".

Essere prima che avere

Di fronte a questa situazione di stallo, Ki-Zerbo faceva appello agli africani perche’ riscoprissero la loro identita’ e ai popoli ricchi perche’ li agevolassero. "A salvare veramente l’Africa non saranno i fondi e gli aiuti. Salveranno vite umane, permettendo loro di sopravvivere, ma non salveranno la vita dell’Africa. Cio’ che importa non sono i mezzi, ma le condizioni. Bisogna permettere all’Africa di ricostruirsi. Bisogna aiutarla a ricostruirsi. L’Africa deve essere prima che avere".

Impossibile ripercorrere in poche righe il suo pensiero : storico, politico, soprattutto saggio e legato alla propria terra. Ha amato l’Africa e ha insegnato ad amarla a tutti quelli che lo hanno incontrato. Una persona che si e’ spesa in tutti i modi, dallo studio, fino all’impegno politico, per dare corpo al sogno di un’Africa capace di stare nel mondo e di parlare al mondo. Che ha saputo cogliere dalla tradizione della sua gente quegli elementi di saggezza e di novita’ da cui partire per fare un cammino di rinnovamento. Quante volte l’abbiamo sentito citare i proverbi popolari per coglierne un insegnamento.

Un uomo che ha creduto fino in fondo all’unita’ africana. "Un proverbio burkinabe’ dice : ’i legni bruciano solo quando stanno vicini’. Noi ora siamo divisi e nessun paese da solo puo’ farcela ad uscire dalla crisi. Dobbiamo unirci per accendere il fuoco. Solo allora potremo dare un colore nuovo all’arcobaleno".

E tutto questo senza complessi di inferiorita’. Interrogato sul Nepad (Nuova partnership per lo sviluppo dell’Africa, un progetto elaborato nel 2001 da alcuni leader africani), una volta ha risposto : "Non l’ho studiato bene. Ma mi consta che piaccia molto ai paesi ricchi. Un nostro proverbio dice che quando il leone ti sorride non lo fa certo perche’ gli sei simpatico". Adesso che, come hanno scritto i giornali africani, "la grande quercia e’ caduta", occorre fare in modo che il suo lavoro non vada perduto.

Aveva istituito un centro di ricerca culturale, che lungo gli anni ha prodotto moltissimo materiale, la maggior parte del quale non ancora pubblicato. Ci diceva che fra i suoi documenti ci sono ancora migliaia di manoscritti che andrebbero ordinati e catalogati, anche in vista di eventuali pubblicazioni. Per questo, insieme con la sua famiglia e i tanti amici che in ogni parte del mondo lo hanno conosciuto e stimato, stiamo studiando di costituire una fondazione che continui, anche in nome suo, l’impegno per restituire all’Africa quella storia e quella dignita’ che lungo i secoli abbiamo saccheggiato e derubato.

___

*

[Dalla rivista "Nigrizia" di marzo 2007 (disponibile anche nel sito www.nigrizia.it) riprendiamo questo ricordo, aperto dalla seguente nota redazionale :

"L’intellettuale burkinabé, morto lo scorso dicembre, e’ ritenuto il maggiore storico dell’Africa. Nel denunciare le colpe del colonialismo, non e’ mai stato tenero con le classi dirigenti africane. Convinto che il riscatto del continente puo’ venire solo dal recupero dell’identita’ e dalla coesione dei suoi popoli. La famiglia e gli amici vogliono costituire una Fondazione che conservi e continui la sua opera".

Eugenio Melandri, religioso saveriano, giornalista, impegnato nei movimenti di pace, di solidarieta’, contro il razzismo, per la nonviolenza. Tra gli animatori di "Chiama l’Africa". Opere di Eugenio Melandri : segnaliamo almeno I protagonisti, Emi, Bologna 1984.

Joseph Ki-Zerbo (Toma, Alto Volta, 1922 - Ouagadougou, Burkina Faso, 2006) e’ stato uno dei piu’ grandi intellettuali africani del Novecento ; impegnato nella lotta anticoloniale, storico, docente, militante politico, organizzatore di esperienze di cultura e democrazia ; strenuo lottatore per la pace e i diritti umani di tutti gli esseri umani.

Opere di Joseph Ki-Zerbo : Storia dell’Africa nera, Einaudi, Torino 1977 ; A quando l’Africa ? Conversazioni con Rene’ Holenstein, Emi, Bologna 2005]

*

NOTIZIE MINIME DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO Numero 45 del 31 marzo 2007

Notizie minime della nonviolenza in cammino proposte dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza Direttore responsabile : Peppe Sini. Redazione : strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail : nbawac@tin.it


SUL TEMA, NEL SITO, SI CFR. :

-  UBUNTU : "Le persone diventano persone grazie ad altre persone" !!! Nelson MANDELA : un combattente sul ring della storia (Mohammed Alì).

-  VERITA’ E RICONCILIAZIONE. LA SAGGIA INDICAZIONE DEL SUDAFRICA DI MANDELA, DI TUTU, E DI DECLERCK

-  IL NUOVO SUDAFRICA : UN ARCOBALENO DI LINGUE, IN MOVIMENTO.

AFRICA, CRISTIANESIMO, E "DIO" DEL CATTOLICESIMO-ROMANO. Una gerarchia senza Grazie (in greco, Χάριτες - Charites) e un papa che scambia la Grazia ("Charis") di Dio ("Charitas") con il "caro-prezzo" del Dio Mammona (Benedetto XVI, "Deus caritas est") aprono i lavori ...


Répondre à cet article

Forum