Filosofia

Un passo di Max Stirner, ribelle interiore, tratto da "L’unico e la sua proprietà"

Il libro più scandaloso della filosofia moderna. "La vera ’filosofia del martello’, che Nietzsche non sarebbe mai riuscito a praticare, perchè troppo irrimediabilmente educato, si compie nelle brevi, tempestanti, offensive frasi che compongono L’unico". (Roberto Calasso)
dimanche 30 avril 2006.
 

A chi non appartiene la causa ch’io debbo difendere ? Essa è, innanzi tutto, la causa buona in se stessa, poi la causa di Dio, della verità, della libertà, della giustizia ; poi la causa del mio popolo, del mio principe, della mia patria ; infine la causa dello spirito, e mille altre ancora. Soltanto, essa non dev’essere mai la mia causa ! " Onta all’egoista che non pensa che a sè stesso ! "

Vediamo un po’, più da vicino, che cosa pensino della propria causa coloro per gl’interessi dei quali noi dobbiamo lavorare, sacrificarci ed infervorarci.

Voi che così profondamente conoscete le cose che concernono Dio, ed avete investigato per millenni gli abissi e scrutato il cuore della divinità, certo saprete dirci in qual modo Egli stesso tratti la causa alla quale siam chiamati a servire. Non tentate di nascondere il modo di condursi del Signore. Ebbene, qual’è la sua causa ? Ha egli forse - come da noi si richiede - abbracciato una causa a lui estranea, ha egli fatta sua la causa della verità o dell’amore ? Voi vi sentite indignati in udir pronunciare un simile assurdo e ci sapete insegnare che quella di Dio è bensì la causa della verità e dell’amore, ma che essa non può esser detta a lui estranea, giacché Dio è per se stesso la verità e l’amore ; e vi muove a sdegno il supporre che Dio possa assomigliarsi a noi poveri vermi col favorire la causa d’altri come se fosse la propria. " Dio dovrebbe occuparsi della causa della verità, se non fosse egli stesso la verità ? ".

Egli non pensa che alla propria causa, ma egli è il tutto nel tutto, e così la sua causa abbraccia tutto ; noi non siamo il tutto nel tutto e la nostra causa è oltre modo meschina e spregevole, perciò noi dobbiamo servire ad " una causa più elevata ".

Ebbene, è chiaro che Dio non si occupa che delle cose sue, non pensa che a sè stesso e non vede che sè stesso ; guai a tutto ciò che contrasta a’ suoi disegni. Egli non serve ad uno più alto di lui e non cerca di soddisfare che sè stesso. La sua è una causa prettamente egoistica.

Osserviamo un po’ la causa dell’ umanità che si vorrebbe facessimo nostra. E forse quella d’alcuno a lei estraneo ; l’ umanità serve forse ad una causa superiore ? No, l’umanità non vede che se stessa, essa non è ad altro intenta che a favorire se medesima, nè ha, all’infuori della propria, causa alcuna. Nell’intento di svilupparsi, essa fa che popoli ed individui si logorino, ed allorquando questi hanno compiuto il loro ufficio, essa per tutta riconoscenza li getta nel letamaio della storia. Non è forse la causa dell’umanità una causa prettamente egoistica ?

Non ho bisogno di dimostrare a coloro che ci vorrebbero imporre la propria causa, che col far ciò essi si dimostrano teneri della lor salute, non già della nostra. Osservate gli altri. Forse che la Verità, la Libertà, l’Umanità richiedono da voi altre cose se non che v’infervoriate per loro e serviate a’ lor fini ?

In ciò essi trovano tutto il lor vantaggio. Osservate un po’ il popolo tutelato dai patriotti a tutta prova. I patriotti cadono nelle battaglie cruente e nella lotta colla fame e colla miseria ; forse che il popolo si commuove perciò ? Grazie al concime dei loro cadaveri esso diviene un popolo fiorente ! Gli individui son morti per " la grande causa del popolo " che paga il suo debito con alcune parole di ringraziamento, e ne trae tutto il profitto che può. Ecco un egoismo che frutta !

Ma osservate un po’ quel sultano, che provvede con tanto affetto ai " suoi ". Non è egli forse l’immagine più schietta del disinteresse ? Non sacrifica egli forse incessantemente sè stesso al bene dei suoi ? Si, proprio dei suoi ! Prova un po’ a fargli capire che non sei suo bensì tuo : in premio dell’esserti sottratto al suo egoismo, tu sarai gettato in una carcere. Il sultano non conosce altra causa che la propria : egli è per sè il tutto nel tutto, è l’unico, e non consente ad alcuno di non essere dei " suoi ".

E da tutti questi esempi illustri non volete apprendere che il miglior partito è quello dell’egoista ? Io per mio conto faccio tesoro di queste lezioni e piuttosto che servire disinteressatamente a quei grandi egoisti, voglio essere l’egoista io stesso.

Dio e l’umanità non hanno risposto la loro causa che in sè stessi. Epperciò voglio riporre anch’io in me stesso la mia causa, io, che, al pari di Dio, sono nulla per ogni altra cosa, e per me sono il mio tutto, l’unico.

Se Dio e l’umanità son ricchi abbastanza per esser tutto a sè stessi, io sento che a me manca ancor meno e che non potrò lagnarmi della mia " vanità ". Io non sono già il nulla del vacuo, bensì il nulla creatore, il nulla dal quale io stesso creo ogni cosa.

Lungi dunque da me ogni causa, che non sia propriamente e interamente la mia ! Voi pensate che la mia causa debba essere per lo meno la " buona causa " ? Ma che buono, ma che cattivo ! Io sono per me stesso la mia causa, ed io non sono nè buono ne cattivo. Tutto ciò per me non ha senso alcuno.

Il divino è cosa di Dio, l’umano dell’ " uomo ". La mia causa non è divina nè umana, non è la verità, non è la bontà, nè la giustizia, nè la libertà, bensì unicamente ciò che è mio ; e non è una causa universale, bensì unica, come unico sono io.

Nessuna cosa mi sta a cuore più di me stesso.


IN RETE, L’eBook :

Max Stirner, L’unico (prima edizione italiana del 1902)


Répondre à cet article

Forum