EU-ROPA. Memoria della libertà e Storia della liberazione...

PER LA SPAGNA DEMOCRATICA (ED EV-ANGELICA, NON "CATTOLICA"): LA "LEY DE IGUALDAD"!!! DONNE E UOMINI: NOI "GENEREMOS ACCIONES"!!! Zapatero dice: «Da sola giustifica la legislatura» - a cura di Federico La Sala

venerdì 7 marzo 2008.
 


-  Zapatero, stessi diritti uomo-donna.
-  Approvata la "Ley de Igualdad"
*

Acclamato, Zapatero dice: «Da sola giustifica la legislatura». Così il premier spagnolo si è espresso sulla legge che - come lui dice - vale i primi tre anni di governo. Si chiama Ley de Igualdad e darà alle donne la parità nelle liste elettorali e sul lavoro a cominciare dalle amministrazioni pubbliche passando anche per gli incarichi nei consigli d’amministrazione delle imprese. Insomma, si tratta di una misura che, progressivamente, porterà al riconoscimento delle pari opportunità tra i due sessi anche in tutti i posti sul lavoro.

Il testo è stato approvato in via definitiva dal parlamento spagnolo con l’astensione del centrodestra, che ha criticato in particolare la parità elettorale (non più del 60 per cento e non meno del 40 per cento per ciascun sesso). Che non si tratti di "quote rosa" ma del raggiungimento di una parità effettiva, lo si capisce già dalle percentuali fissate intorno al "fifty-fifty". E contestate dall’opposizione di centrodestra, al pari del progetto contenuto nella Ley de Igualdad che introduce, con percentuali simili, l’obbligo di procedere a una equa assegnazione degli incarichi entro otto anni ai vertici delle imprese.

Ma se il premier Josè Luis Rodriguez Zapatero, fuori del parlamento, ha ricevuto gli applausi di una piccola folla di donne, tra cui diverse deputate socialiste, che con tono scherzoso si sono rivolte al premier al grido di «Ista, ista, Zapatero feminista...», così non è stato all’interno delle Cortes, con le critiche dell’opposizione. Ciò detto, con il progetto della Ley de Igualdad si prevede un permesso di paternità di 15 giorni (un mese fra cinque anni), separato da quello della moglie, l’estensione del permesso di maternità nel caso di bambini prematuri o ospedalizzati e l’attribuzione della qualifica di rifugiate alle donne straniere che fuggano dai propri Paesi a causa della violenza sessuale e dei maltrattamenti.

Zapatero intervenendo in parlamento prima del voto ha detto che la legge - il cui scopo è «dare giustizia alle donne» - trasformerà «radicalmente» la società spagnola perché uomini e donne saranno ora «perfettamente eguali davanti alla legge». «Insieme a quella sull’assistenza alle persone dipendenti - ha dichiarato - questa legge vale tutta la legislatura».

* l’Unità, Pubblicato il: 15.03.07, Modificato il: 15.03.07 alle ore 17.01



SULL’ARGOMENTO - IN GENERALE, SUL SITO, SI CFR.:

IL CATTOLICESIMO CON LA CROCE UNCINATA

-  VALENCIA 2006. UOMINI E DONNE. SULL’USCITA DALLO STATO DI MINORITA’, OGGI. AL DI LA’ DELL’ "EDIPO". L’ "amore conoscitivo" e la ... NUOVA ALLEANZA di "Maria" e di "Giuseppe"!!! In memoria di Kurt H. Wolff.

-  UOMO-DONNA: "I SOGGETTI SONO DUE, E TUTTO E’ DA RIPENSARE" (Laura Lilli, 1993)!!!

-  EUROPA!!! CHE SIGNIFICA ESSERE "EU-ROPEUO". Per la rinascita dell’EUROPA, e dell’ITALIA. La buona-esortazione del BRASILE.

-  I NOSTRI "PADRI" E LE NOSTRE "MADRI" COSTITUENTI. LA PROPOSTA DI LEGGE SUL COGNOME E LA NOSTRA IDENTITA’ - UMANA E COSTITUZIONALE. Un commento di Massimo Livi Bacci

-  "CONOSCI TE STESSO". "ECCE HOMO. Come si diventa ciò che si è". Una bella e limpida discussione tra U. Galimberti ed E. Scalfari, ma ancora in un orizzonte "pre-copernicano" e "pre-fachinelliano".


Rispondere all'articolo

Forum