LO SPIRITO DELL’EUROPA E IL CATTOLICESIMO IMPERIALE DEL DIO-VALORE (Benedetto XVI, "Deus caritas est", 2006).

SPAGNA. ZAPATERO VINCE SU VESCOVI E RATZINGER DI CINQUECENTO DIECI E CINQUE LUNGHEZZE !!! PER LUNGIMIRANZA ANTROPOLOGICA E TEOLOGICA. Una nota di Sandrine Morel ("Le Monde") - a cura di Federico La Sala

QUANTA PAURA DEL LOGOS NELLA GERARCHIA DEL CATTOLICESIMO COSTANTINIANO E RATZINGERIANO ! Nati da uomo e da donna, non sanno ben pensare nemmeno l’incarnazione di se stessi ...
mardi 15 janvier 2013.
 


In Spagna, nonostante l’opposizione della Chiesa, la legge è entrata nel costume

di Sandrine Morel

in “Le Monde” del 13 gennaio 2013 (traduzione : www.finesettimana.org)

Sette anni e 23 000 matrimonio omosessuali dopo, che cosa resta del dibattito sulle unioni tra persone dello stesso sesso che aveva scosso la Spagna, al tempo del voto sulla legge, nel 2005 ? “Nulla”, dichiara decisamente la presidentessa della Federazione lesbiche, gay, transessuali e bisessuali (FELGTB), Boti Garcia, che parla oggi di “normalizzazione assoluta”.

Circa il 70% degli spagnoli sono oggi favorevoli al matrimonio gay rispetto al 60% in occasione del voto sulla legge. Le unioni si celebrano in pace, come le adozioni di figli da parte di coppie omo. E la battaglia giudiziaria è stata richiusa con la risoluzione del Tribunale costituzionale, il 6 novembre 2012, a favore del “matrimonio egualitario”. Ma il percorso fu seminato di trappole. Nel 2003 le organizzazioni gay e lesbiche cominciano la lotta presentando delle richieste di matrimonio gay nei comuni. Per parlare ad una sola vice, si uniscono in seno ad una stessa piattaforma, la FELGTB.

Nei mesi precedenti le elezioni del marzo 2004, fanno pressione sul partito socialista, allora all’opposizione, per “trasmettere l’idea che non eravamo cittadini differenti e che di conseguenza non dovevamo avere diritti differenti”, spiega la signora Garcia. Ottengono che il provvedimento figuri nel programma elettorale di José Luis Rodriguez Zapatero.

Una volta eletto, il giovane presidente si affretta a mantenere la promessa fatta in campagna elettorale : uno schema di progetto di legge viene redatto alla fine del 2004. L’idea è di effettuare una semplice sostituzione nel codice civile dei termini che definiscono il matrimonio come l’unione di un uomo e di una donna con la parola “coniugi”. “La cosa più bella di questa legge è che è esattamente la stessa del resto della società”, assicura la signora Garcia. Nel marzo 2005, il testo comincia, tra vive polemiche, il suo percorso legislativo.

La Chiesa, che gode ancora di un potere e di un’influenza considerevole, utilizza tutti gli strumenti in suo possesso per impedirne l’approvazione. Ma il governo socialista non si lascia impressionare. Né dai volantini distribuiti durante le messe o dalle petizioni firmate all’uscita dalle scuole cattoliche. Né da certi giudici che paragonano pubblicamente il matrimonio gay ad un’unione tra un uomo e un animale. E neanche dalla manifestazione massiccia del 18 giugno 2005 che riunisce a Madrid 1,5 milioni di persone secondo gli organizzatori, 180 000 secondo la polizia.

Convocata dall’associazione ultraconservatrice e cattolica Forum delle famiglie, vi partecipano anche vescovi accanto a rappresentanti di peso del Partito popolare (oggi al potere), tra cui gli attuali ministri dell’agricoltura, Miguel Angel Arias Canete o delle infrastrutture, Ana Pastor. La signora Garcia se ne ricorda come se fosse ieri. “I vescovi con la loro tonaca nera e la croce che brillava al sole, traspiravano omofobia, racconta ancora scossa. In piazza Colon, hanno fatto salire sul palco anche dei bambini, contro i nostri diritti...”

Nonostante queste pressioni, il 30 giugno 2005, la Spagna diventa il terzo paese europeo a legalizzare il matrimonio gay, dopo i Paesi Bassi e il Belgio. La legge viene votata con 187 voti a favore e 147 contrari. L’11 luglio viene celebrato il primo matrimonio tra due uomini. Tuttavia gli attacchi continuano. La Conferenza episcopale spagnola moltiplica le critiche e dal Vaticano l’ex presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia, il cardinale colombiano Alfonso Lopez Trujillo, invita i funzionari municipali a non sposare le coppie omosessuali. Mentre diversi giudici, invocando una “impossibilità morale” o mettendo in discussione la costituzionalità del testo, rifiutano di scrivere i matrimoni gay nel registro civile.

Una cinquantina di deputati del Partito Popolare decidono in settembre di deporre un ricorso davanti al Tribunale costituzionale, facendo planare sulle unioni già celebrate una spada di Damocle. “Per sei anni, abbiamo vissuto in un’insicurezza immensa, non solo delle nostre coppie, ma dei nostri figli”, sottolinea la signora Garcia. Nel novembre 2012, il tribunale ha chiuso il dibattito.


Materiali per riflettere :

-  VIVA LA SPAGNA, LA SPAGNA DEMOCRATICA. UOMINI E DONNE, CITTADINI E CITTADINE...

-  LA SPAGNA, ZAPATERO, E L’ILLUMINISMO - OGGI. IL CORAGGIO DI ESSERE ADULTI E MAGGIORENNI.
-  La democrazia può produrre qualcosa di diverso dalla politica della paura e delle menzogne

-  Famiglia e Costituzione
-  ‘SPAGNA’ 1628 - VALENCIA 2006 : L’indicazione di Manzoni ... e l’indicazione di Ratzinger. Una nota

-  IL NOME DI DIO. L’ERRORE FILOLOGICO E TEOLOGICO DI PAPA BENEDETTO XVI, NEL TITOLO DELLA SUA PRIMA ENCICLICA. Nel nome della "Tradizione"

-  SPAGNA E VATICANO : RADICI CRISTIANE E RADICI CATTOLICO-ROMANE !!!
-  LA MEMORIA PER DECRETO DELL’IMPERATORE "COSTANTINO" ("CRISTO RE") E "LA MORTE RIVOLUZIONARIA DEI MARTIRI" FRANCHISTI

-  Quale stella seguire ?
-  VALENCIA 2006 : quale modello di famiglia ? Quello di ’Maria’ - e ’Gesù’, ... o quello di Maria, Giuseppe, e Gesù ?!
-  L’URLO di una mamma dell’AGEDO di Palermo

-  SPAGNA."Sono una cittadina spagnola, mica del Vaticano". Il Tribunale superiore della giustizia delle Canarie (Tsjc) ha condannato l’arcivescovado a pagare oltre 16 mila euro di risarcimento per aver fatto svolgere indagini sulla vita privata di un’insegnante di religione, licenziata nel 2000

-  PIRANDELLO E LA BUONA-NOVELLA. DALL’ITALIA, DALLA SICILIA, DA AGRIGENTO, DA BONN, DA ROMA, DA MILANO, DA NAPOLI, DA SAN GIOVANNI IN FIORE, E DA GERUSALEMME : UN "URLO" MAGISTRALE PER BENEDETTO XV ... E BENEDETTO XVI.
-  Basta con la vecchia, zoppa e cieca famiglia cattolico-romana, camuffata da "sacra famiglia" !!!

-  IL CATTOLICESIMO CON LA CROCE UNCINATA

-  VALENCIA 2006. UOMINI E DONNE. SULL’USCITA DALLO STATO DI MINORITA’, OGGI. AL DI LA’ DELL’ "EDIPO". L’ "amore conoscitivo" e la ... NUOVA ALLEANZA di "Maria" e di "Giuseppe" !!! In memoria di Kurt H. Wolff.

-  UOMO-DONNA : "I SOGGETTI SONO DUE, E TUTTO E’ DA RIPENSARE" (Laura Lilli, 1993) !!!

-  PER UNA NUOVA TEOLOGIA E PER UNA NUOVA CHIESA.
-  L’INDICAZIONE DI GIOVANNI XXIII E DI GIOVANNI PAOLO II : LA RESTITUZIONE DELL’ANELLO DEL PESCATORE A GIUSEPPE.
-  Il loro successore ha il cuore di pietra e se lo tiene ben stretto. Per lui Dio è Valore e tutto ha un caro-prezzo ("Deus caritas est") !!!

-  UN NUOVO CONCILIO, SUBITO. UNA MEMORIA DI "VECCHIE" SOLLECITAZIONI. Il cardinale Martini, dalla “città della pace”, lo sollecita ancora !!! Cattolicesimo, fascismo, nazismo, stalinismo : il sogno del "regno di ‘dio’" in un solo ‘paese’ è finito. 95 TESI ? NE BASTA UNA SOLA !

-  LO SPIRITO DELL’EUROPA

-  AL DI LA’ DEI FONDAMENTALISMI LAICI E RELIGIOSI : UNA SECONDA RIVOLUZIONE COPERNICANA


Répondre à cet article

Forum